AA.VV. (Nazioni Varie) «The Bridge» (2013)

Aa.vv. (nazioni Varie) «The Bridge» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
12.10.2013

 

Visualizzazioni:
1168

 

Band:
AA.VV. (Nazioni Varie)

 

Titolo:
The Bridge

 

Nazione:
Varie

 

Formazione:
Artisti Vari

 

Genere:
Vari

 

Durata:
54' 26"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
18.03.2013

 

Etichetta:
GhostLabel Record
[MetalWave] Invia una email a GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di GhostLabel Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di GhostLabel Record

 

Distribuzione:
Awal
[MetalWave] Invia una email a Awal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Awal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Awal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Awal [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Awal

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

La Ghost Records è una label che manda un sampler alla nostra redazione, con abbastanza poche informazioni su bands e sulla label stessa, e un semplice pdf dove c’è più che altro il layout dell’album.
Questo sampler si chiama “The bridge” e condensa 13 tracce per 54 minuti di musica che non ha granché a che fare col metal, se si escludono alcune bands. Sì perché qui si parte effettivamente col groove metal ora più thrash alla Metallica, ora più tipicamente in stile moderno e metalcore di bands quali Black Old Garage, D8 Dimension e Unredeemed, ma si arriva a molto rock leggero anche pop/rock, tipo Crystal Newton e Giles Foster, per continuare col buon stoner di Shed of Noiz e Zedded, bravi ma con brutti suoni, fino allo space rock dei Never on the Knees, al Power Metal dei Soundforce e all’hip hop (!!!) dei Villasound.
Come tutti i sampler, l’operazione non è giudicabile a causa della proposta musicale troppo differenziata, ma permette di inquadrare le proposte musicali della label. Solo a chi interessa vedere il roster della Ghost Records può interessare questo cd. A tutti gli altri, se interessati a qualche band qui presentata, consiglio di approfondire le nozioni come ormai (purtroppo) fanno tutti: andare su tutti i social network che infestano il web. Il giudizio finale è una sufficienza politica che vale esattamente quanto un “senza voto” a causa del fatto che non si può dare un voto a un gruppo basandosi su una canzone che tra l’altro è parte di una compilation.

Track by Track
  1. Black old garage – One way or another S.V.
  2. Crystal Newton – Superlove S.V.
  3. D8 Dimension – Inferno S.V.
  4. Giles Foster – Voices S.V.
  5. Hati and Skoll – Who knows S.V.
  6. Recycle – Selfish S.V.
  7. Shed of noiz – Naidin S.V.
  8. The Running Chickens – Old Memories S.V.
  9. Unredeemed – The Art of War S.V.
  10. Villasound – L Verdaderos S.V.
  11. Zedded – Love twice S.V.
  12. Soundforce - There's No Paradise S.V.
  13. Never on the Knees – Into The Mask S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
60

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 12.10.2013. Articolo letto 1168 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.