The Shell Collector «2 Is The Beginning Of An Army» (2013)

The Shell Collector «2 Is The Beginning Of An Army» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
27.09.2013

 

Visualizzazioni:
1093

 

Band:
The Shell Collector
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Shell Collector [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Shell Collector [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di The Shell Collector [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di The Shell Collector [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di The Shell Collector [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di The Shell Collector

 

Titolo:
2 Is The Beginning Of An Army

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Enrico Tiberi :: Vocals, Guitars/Bass/Cuatro - Piano/Keyboards/Noise
Alessandro Infusini – Guitar
Manuel Coccia :: Bass/Vocoder/Symphonic Choirs
Alessandro Vagnoni :: Drums/Pure (en)harmonizations

 

Genere:
Post-Vintage Rock / Post-Progressive / Space Rock / Post-Grunge

 

Durata:
20' 28"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
01.09.2013

 

Etichetta:
Tuna Records
[MetalWave] Invia una email a Tuna Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Tuna Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Tuna Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Questo progetto molto interessante nato dalla mente di Enrico Tiberi si chiama “The Shell Collector” e vede tra le fila anche il noto Alessandro Vagnoni (Dark Lunacy, Infernal Poetry, Urmuz), Manuel Coccia e Alessandro Infusini alle prese con qualcosa che identificare in un totale genere d’appartenenza sarebbe molto arduo. I Nostri sono in grado di mescolare più mondi differenti e generare quella che non azzardo a definire musica sperimentale a tutti gli effetti.
Dietro un bell’artwork con tanto di spartiti di riduzione per pianoforte e batteria (un tocco di classe) si nascondono cinque pezzi dal valore sicuramente alto e che riescono a stuzzicare chi li ascolta. La forza dei The Shell Collector è quella di proporre qualcosa che, lontanamente, si avvicina ad un Alternative Rock come sonorità ma che contiene intromissioni di varie influenze praticamente ovunque quindi ci troviamo di fronte ad un disco piccolo ma piuttosto cangiante nei contenuti, frutto di grandi ispirazioni, bravura sullo strumento, decine di idee e una dose di professionalità che non fa mai male, del resto l’alta qualità con cui tutto ciò è stato presentato la dice lunga.
I cinque episodi che compongono l’EP appaiono diversi l’un l’altro: l’opener ‘Riots’, fortemente melodica rappresenta un mix di visioni musicali riuscitissimo, ‘It's All a Tape Recording’ possiede fascino e romanticismo raccontati da un intenso pianoforte, ‘Le Blue Prince’ approda ad un discreto blues, ‘The Filter Rings a Bell’ tende più a risultare un brano atmosferico e piacevole e la conclusiva ‘Left Of The Soul’ ci mostra le magie di un 9/8, un’intenzione che mi ha riportato con la mente ai The Mars Volta di ‘De-Loused in the Comatorium’ con la differenza che i Nostri virano ad un blues finale e la poesia termina nel migliore dei modi.
Se i presupposti sono questi, vi assicuro che ne sentiremo presto parlare di nuovo. Aspettiamo un album!

Track by Track
  1. Riots 80
  2. It's All a Tape Recording 80
  3. Le Blue Prince 75
  4. The Filter Rings a Bell 75
  5. Left Of The Soul 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 27.09.2013. Articolo letto 1093 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.