Deathrow «Through a Cold, Endless Winter - 7 Years of Torment» (2013)

Deathrow «Through A Cold, Endless Winter - 7 Years Of Torment» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
14.08.2013

 

Visualizzazioni:
899

 

Band:
Deathrow
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Deathrow [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Deathrow

 

Titolo:
Through a Cold, Endless Winter - 7 Years of Torment

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Thorns :: All instruments

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
1h 6' 9"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Lo-Fi Creatures
[MetalWave] Invia una email a Lo-Fi Creatures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Lo-Fi Creatures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Lo-Fi Creatures [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Lo-Fi Creatures

 

Distribuzione:
Masterpiece Distribution
[MetalWave] Invia una email a Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Masterpiece Distribution

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Questo non è il nuovo disco dei Deathrow, abbastanza nota one man band livornese, ma una raccolta di material precedentemente non rilasciato con l’aggiunta di alcuni brani recuperati dai vari split pubblicati da questa band in tutti i formati e minutaggi, edito dalla Lo-fi creatures, limitato a 200 copie e che propone 12 tracce per 66 minuti di musica.
Come per molte le compilation di questo tipo, difficilmente si va oltre lo status di “carino, ma mica tanto necessario”, e altrettanto raramente operazioni discografiche di questo tipo sono giustificabili come disco a sé stante e non, piuttosto, come release abbinata ad un vero full length, tipo doppio cd. E questo dei Deathrow, nonostante non sia un disco brutto, è il tipico caso. Alcune canzoni, come “The Sentinel”, colpiscono bene nel bersaglio, ma il valore e lo stile delle composizioni è altalenante. Si passa infatti da una “My cold world” non male e tipicamente depressive alla molto darkthroniana “Neverending rain”, passando per “Rivers...”, molto tipo primi Rotting Christ e passando per la più veloce e cattiva, ma non particolarmente efficace, “Forged in white renaissance”. Altrove è un po’ il senso di incompiutezza delle canzoni che impera, come “Beholding evil”, rallentata e dal buon feeling occulto, “Words untold II” e la stessa “Rivers...”, dove a prescindere da dei buoni inizi, si finisce un po’ nel poco efficace e in terminazioni di brani non brusche ma comunque poco incisive.
Insomma: come spesso avviene per le compilation, disco carino ma tutt’altro che imprescindibile, soprattutto in quest’epoca di split scaricabili dai vari blogspot, o addirittura ascoltabili per intero su youtube, questo disco rischia di essere dimenticato in poco tempo. Più che altro l’acquisto di questo cd è consigliato ai fan dei Deathrow, mentre agli amanti del Black Metal in generale consiglio prima un ascolto preventivo.

Track by Track
  1. My cold world 70
  2. Neverending rain 70
  3. Rivers Of Foreshadowing Demise 70
  4. Deceit (intermezzo) 60
  5. World untold II 60
  6. A Dying Tyrant (Intermezzo) 60
  7. Forged In White Renaissance 55
  8. Beholding evil 60
  9. The claws of time 70
  10. Watain (Von Cover) 70
  11. Nigredo 70
  12. The Sentinel 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 14.08.2013. Articolo letto 899 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.