AA.VV. «U.M.A. Compilation - Vol.2» (2013)

Aa.vv. U.m.a. Compilation - Vol.2 | MetalWave.it Recensioni Autore:
Jezebel »

 

Recensione Pubblicata il:
17.07.2013

 

Visualizzazioni:
1477

 

Band:
AA.VV.

 

Titolo:
U.M.A. Compilation - Vol.2

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
AA.VV

 

Genere:
Vari

 

Durata:
1h 10' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.06.2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Underground Metal Alliance
[MetalWave] Invia una email a Underground Metal Alliance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Underground Metal Alliance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Underground Metal Alliance [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Underground Metal Alliance

 

Recensione

Continua la promozione del metal nostrano underground con il secondo volume della compilation prodotta dall’ U.M.A. Come già accennato nella recensione del primo volume, lo scopo della compilation è proprio quello di tastare il polso della situazione e aggiornare gli ascoltatori sullo stato di salute del metal nel nostro paese. In questo volume continua la ricerca di band che rappresentino le varie tendenze contemporanee, ma questa volta si va ben oltre la superficie finendo per portare alla luce lavori caratterizzati da incroci e innesti, potenziati da una buona dose di sperimentazione. La ricerca di suoni particolari, di nuove strade è un po’ il comun denominatore dei brani che sono stati inseriti in questa compilation che si apre con “Ashes of an endless embrace” dei Bifrost, che presentano il loro mix potente di doom neoromantico power blues e arpeggi invaso da growl cavernoso. Si passa poi agli Ever Frost che fanno di “Be your own god” un calderone in cui troviamo death metal velocissimo e vagamente dissonante, colorato da infinite venature melodiche e riff armonici e sognanti. A rappresentare il lato oscuro ci sono gli Eyelessight e la loro “Vuota solitudine”, canzone post black metal in cui la voce è un’eco disperata che appare brevemente e scompare in fretta; a loro si aggiungono i Fog che, con “Burn your sinner” rimangono sulla linea del black/death metal classico e i Frozen Hell che puntano sulla velocità e sulla ritmicità delle vocals. Nel volume 2 trovano spazio anche due band guidate da voci femminili: i Caelestis, trio napoletano melodic/alternative metal , che in “Io e te siamo la luna” convergono l’energia sulle vocals femminili particolarmente melodiche e decisamente irish, cantate nella nostra lingua madre; per quanto riguarda invece “Silently” degli Ideogram, il growl scuro fa da controcanto alla voce lirica. Ci spostiamo sul fronte avanguardistico con “La notte si innamorò del sole” del chitarrista Red Sky, canzone in prevalenza strumentale, testimone del connubio tra musica, poesia, performance e pittura. Le dinamiche si vivacizzano con i Relic, dal compatto death metal denso di growl e ritmiche ipnotiche e intervallato da inserti melodici, con i Samael’s Fall, la cui “Beyond the violence” sintetizza linee trash precise e puntuali e con i T Mule, dalle venature più core. Inserendo molte band che puntano sulla sperimentazione si è capaci di ridefinire i confini del metal, mostrandone i molteplici e sconosciuti orizzonti.

Track by Track
  1. Bifrost - Ashes of an endless embrace 70
  2. Caelestis - Io e te siamo la luna 75
  3. Ever Frost - Be your own god 75
  4. Eyelessight - Vuota solitudine 70
  5. Fog - Burn your sinner 70
  6. Frozen Hell - Useless memories 70
  7. Ideogram - Silently 70
  8. Red Sky - La notte si innamorò del sole 70
  9. Relic - Liberty 75
  10. Samael's Fall - Beyond the violence 75
  11. Solid Mercury - Time to fight 65
  12. Soman - Fallout 65
  13. T Mule - New rage 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Jezebel » pubblicata il 17.07.2013. Articolo letto 1477 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.