M-Pire of Evil «Crucified» (2013)

M-pire Of Evil «Crucified» | MetalWave.it Recensioni Autore:
GulloBM »

 

Recensione Pubblicata il:
08.07.2013

 

Visualizzazioni:
910

 

Band:
M-Pire of Evil
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di M-Pire of Evil [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di M-Pire of Evil [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di M-Pire of Evil

 

Titolo:
Crucified

 

Nazione:
U.k.

 

Formazione:
Tony "Demolition Man" Dolan - Basso e Voce;
Mantas - Chitarra;
Marc Jackson - Batteria.

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
40' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.05.2013

 

Etichetta:
Mausoleum Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mausoleum Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Rock N Growl
[MetalWave] Invia una email a Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Rock N Growl [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rock N Growl

 

Recensione

Nonostante siano ancora in circolazione, mostri sacri come i Venom non se la passano bene come un tempo.
Fortunatamente, però, un duo storico della seconda line-up della band inglese prosegue nella sua cruenta opera proto-black negli M-Pire of Evil: Tony “Demolition Man” Dolan e Mantas, i quali, accompaganati alla batteria da Marc Jackson, hanno dato vita a due album, Creatures Of The Black (EP) ed Hell To The Holy, costituiti in gran parte da cover da rispolverare in quanto – generalmente – sottovalutate o poco considerate alla loro uscita.
Grazie ad un accurato lavoro di produzione e soundmaking, vecchi pezzi da novanta come Temples Of Ice, Parasite, Carnivorous e Black Legions adottano un sound più moderno e squillante senza perdere l’oscura efficacia della formula (vincente) Venom.
Ciò che emerge è, nel complesso, un buon combo thrash/proto-black capace di coadiuvare e conciliare vecchio e nuovo trovando nuove soluzioni e adattandone delle vecchie.
Soltanto gli ultimi due pezzi dell’album, Demone – una poco originale sfuriata venomiana – ed una più moderna ed incazzata Taking It All.
La scelta di comporre un album composto per 9/11 da cover è, come spiega Mantas, proprio nato dalla volontà di rispolvero dei pezzi presentati, ma a mio parere un combo così potente avrebbe potuto dedicarsi alla produzione di nuovo materiale.
Ad ogni modo, gli M-Pire of Evil (anagramma di Prime Of Evil, omonimo album dei Venom con Dolan) dimostrano grande maturità artistica, nonché grande carica in live, come dimostrato dal trio d’Albione al Night of the Vynil Fest di Piacenza il 19 di Maggio.

Track by Track
  1. Temples Of Ice 85
  2. Parasite 80
  3. Kissing The Beast 85
  4. Blackened Are The Priests 85
  5. Carnivorous 85
  6. Black Legions 85
  7. Need to Kill 70
  8. Wolverine 75
  9. Crucified 70
  10. Demon 65
  11. Taking It All 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di GulloBM » pubblicata il 08.07.2013. Articolo letto 910 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.