Esequiem «Contempt» (2013)

Esequiem «Contempt» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
20.06.2013

 

Visualizzazioni:
895

 

Band:
Esequiem
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Esequiem

 

Titolo:
Contempt

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Massemord: Vocals, bass, guitars
Yulegarth: Guitars
Goatlord: Drums

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
25' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Behemoth Productions
[MetalWave] Invia una email a Behemoth Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Behemoth Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Behemoth Productions

 

Distribuzione:
Masterpiece Distribution
[MetalWave] Invia una email a Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Masterpiece Distribution [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Masterpiece Distribution

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Esequiem sono un gruppo di black metal dai tratti molto classici formato da membri degli Hyling e del culto (se mi passate il termine) Satanel (attivi, ma ormai sciolti, dalla metà degli anni 90). Quello che troverete dentro a questo album è quanto di più ortodosso possiate ascoltare, in relazione al genere in questione. Costruite su una serie di riff ripetuti ossessivamente, nella migliore tradizione di Burzum, Darkthrone e Mayhem, le tracce si alternano tra momenti veloci in blastbeat canonici e molto minimali, e parti più cupe e rallentate, dal mid tempo a passaggi maggiormente cadenzati. La registrazione è adeguata al sound, si fa ascoltare, mettendo il luce le note più acute della chitarra e i suoi freddi giri. L'apparato strumentale si muove su buoni livelli, del resto non fanno nulla di più di quello che devono fare: la voce sporadicamente si lancia in linee teatrali simili a quelle di Attila Csihar. Vi sfido a dire qualcosa in più di questo: nessuna concessione ad atmosfere diverse, melodia, nulla che non sia black metal sparato, distorto e disilluso. Un compito svolto con precisione e passione, destinato agli appassionati più estremi del black metal; e del resto ormai sappiamo tutti che voler riproporre questo genere in maniera consueta, significa chiudersi dentro a delle mura strette e umide, senz'aria, come risvegliarsi in una bara sepolta.

Track by Track
  1. The Gates Of Spiritual Death 65
  2. Obscure Facing 70
  3. The Wreckage Of Faith 65
  4. Poisoned Flesh 70
  5. ... Of Rape and Funerals 60
  6. ... Of Sickness and Depravity 60
  7. Words Of Plague 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
64

 

Recensione di June » pubblicata il 20.06.2013. Articolo letto 895 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.