Odessa «Carry the Weight» (2013)

Odessa «Carry The Weight» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Jezebel »

 

Recensione Pubblicata il:
08.05.2013

 

Visualizzazioni:
870

 

Band:
Odessa
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Odessa

 

Titolo:
Carry the Weight

 

Nazione:
U.k.

 

Formazione:
Richard John Lardner - Vocals
Conor O'Rourke - Guitar/vocals
Gary Stephens- Guitar
Tom Stokes - Bass
Simon Hutchings - Drums

 

Genere:
Metal / Hardcore

 

Durata:
45' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.01.2013

 

Etichetta:
Ghost Musik
[MetalWave] Invia una email a Ghost Musik [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ghost Musik

 

Distribuzione:
Plastic Head
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Plastic Head [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plastic Head

 

Agenzia di Promozione:
TKO
[MetalWave] Invia una email a TKO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di TKO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di TKO [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di TKO

 

Recensione

Gli Odessa sono una band di Birmingham, che ha all’attivo numerosi live sia in Inghilterra che in Europa. “Carry the weight” è il loro debut album, uscito nel gennaio 2013. Superando i dettami del metalcore, questa band è riuscita a creare un sound radicato nei propri punti di forza: un elaborato scream/growl trascinante e mai superficiale, lyrics intense e introspettive, una sezione ritmica impeccabile e chitarre che producono riff potenti e lineari, senza rinunciare alla melodia nei ricercati accordi che si alternano simmetricamente alle note stoppate e mute. L’idea di ricerca di unità, di un muoversi tutti insieme verso la meta, di progressione e di scorrevolezza pervade tutto l’album, che non soffre del bipolarismo, soprattutto vocale, tipico del metalcore; la vocalità clean, infatti, appare brevemente e a sprazzi, sapientemente relegata a comparsa. Nel primo brano “Separeted” il serrato ritmo hardcore, che a tratti si dimezza, e gli accordi distonici (quasi ambient) sembrano introdurci in viaggio attraverso una selva oscura dantesca sonora in cui lo scream si dimena. In “Breaking point” il ritmo e i riff dalla struttura frammentata riprendono forma negli intermezzi melodici. “All I have” è un po’ il manifesto degli Odessa, che cercano il giusto equilibro tra ritmi compressi e aperture melodiche. “Animosity”, “Path of frustation” e “Isolation” oscillano tra ritmiche hardcore e metal di nuova generezione, in cui il suono sale sulle giostre comprimendosi e dilatandosi continuamente, lasciando che lo scream versatile e potente prenda il controllo, invadendo anche ritornelli e parti melodiche. ”Divide & Conquer” è un pugno in faccia, con ritmi e accordi frontali e intransigenti, e uno scream/growl battagliero e incontenibile. “Carry the weight” è un brano ben strutturato in cui ritorna l’alternanza tra ritmi più estremi e ritornelli melodici, con vocals cangianti e senza pace. “Complications” è un’invasione sonora, in cui infuriano riff martellanti e intermezzi battenti, comandati da una batteria instancabile. In “Anywhere but here” il ritmo rallenta e si combina con l’intreccio tra accordi stoppati e riff melodici. L’ottima “On the outside” gode di riff ben composti e abbinati, in cui le ritmiche giocano a rincorrersi e in cui lo scream incide lyrics tormentate. “Blind” chiude l’album e indica una via di uscita dal tunnel, è un concentrato di energia ritmica e accordi più sereni e consapevoli. “Carry the weight” è un percorso all’interno di se stessi, grazie al quale gli Odessa raggiungono una non comune unità tra significante (suono) e significato (lyrics). Restando ancorati alle radici metal e hardcore, gli Odessa rappresentano un germoglio mutante nel panorama metal europeo.

Track by Track
  1. Separated 75
  2. Breaking point 80
  3. All I have 75
  4. Animosity 80
  5. Path of frustration 80
  6. Isolation 80
  7. Divide & Conquer 85
  8. Carry the weight 80
  9. Complications 85
  10. Anywhere but here 75
  11. On the outside 85
  12. Blind 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Jezebel » pubblicata il 08.05.2013. Articolo letto 870 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.