Dust Devil «Riled Up» (2013)

Dust Devil «Riled Up» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
22.04.2013

 

Visualizzazioni:
821

 

Band:
Dust Devil
[MetalWave] Invia una email a Dust Devil [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dust Devil [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Dust Devil

 

Titolo:
Riled Up

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Leonardo Romeo :: Vocals
Lapo Torrini :: Guitar
Leonardo Taiti :: Guitar
Massimiliano Dionigi :: Bass
Giovanni Guarnieri :: Drums

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
25' 40"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
31.03.2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il progetto fiorentino dei Dust Devil nasce giovanissimo nello scorso Settembre 2012 e nel modo migliore che si possa pensare: tre amici davanti ad una birra, questi amici di lunga data erano i chitarristi Lapo Torrini, Leonardo Taiti e il batterista Giovanni Guarnieri i quali, reclutato il bassista Massimiliano Dionigi e chiamato nella formazione Leonardo Romeo (singer neigli Anvil Therapy e negli Electric Fluid) si trovano con una formazione completa e forte di una passione incredibile per l’Heavy Metal classico. Dopo pochi mesi di prove l’idea di registrare un primo EP (“Riled Up” per l’appunto) era ormai cosa ovvia ed il Freddy Delirio (Death SS) dietro il mixer ha completato il tutto facendo davvero un gran ben lavoro.
Dopo questa breve ma intensa storia della band possiamo concentrarci sul singolo prodotto, risultato di amicizia e amore per la musica. Cosa c’è dentro “Riled Up”? Sicuramente un mix estremamente eterogeneo di influenze più che personalizzate di vecchie glorie dell’Heavy rintracciabili anche nei noti Iron Maiden oltre che nella scuola nordica di un vecchio Power (“Blurred Mind” e “Live To Die For You”), eccezionali ritrovati classicismi vecchio stile tenendo presente una forte dose di melodia (“God Of Steel”), energia a non finire (“Back To The Metal Show”) e una buona originalità che permea il tutto allontanando i nostri da una possibile (e fastidiosa) aria di stantio. Il tutto quindi suona potente, preciso, ricco di bei soli di chitarra e la passione per la musica è talmente concreta da essere tangibile nell’aria. Perfette le voci naturalmente, il Romeo non è certo l’ultimo arrivato e gioca per tutta la durata dell’EP sempre e comunque ispirato.
Sono d’accordo che praticamente sia stato già detto tutto nell’Heavy Metal ma la determinazione, la costanza e soprattutto la competenza di musicisti di alto livello rendono sempre un piacere poter ascoltare dischi dall’alto valore contenutistico e di certo i Dust Devil rappresentano un progetto che magari non vorrà riscrivere il concetto di Heavy ma contribuiscono a non farlo morire. E se questa non è una missione nobile cos’altro è? Di certo i nostri fungono da esempio logico: se le cose son fatte bene meritano. Punto.

Track by Track
  1. Blurred Mind 70
  2. God Of Steel 75
  3. Vain Puppet 75
  4. Live To Die For You 80
  5. Back To The Metal Show 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 22.04.2013. Articolo letto 821 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.