Dementia Senex «Heartworm» (2013)

Dementia Senex «Heartworm» | MetalWave.it Recensioni Autore:
V-Rhyme »

 

Recensione Pubblicata il:
17.04.2013

 

Visualizzazioni:
2023

 

Band:
Dementia Senex
[MetalWave] Invia una email a Dementia Senex [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dementia Senex [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Dementia Senex

 

Titolo:
Heartworm

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Cristian Franchini - (Voce)
Mattia Bagnolini (Batteria)
Filippo Merloni (Chitarra)
Marco Righetti (Chitarra)
Federico Cucchi (Basso)

 

Genere:
Post Metal / Experimental

 

Durata:
18' 55"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
09.04.2013

 

Etichetta:
The Path Less Traveled Records
[MetalWave] Invia una email a The Path Less Traveled Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Path Less Traveled Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Path Less Traveled Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grind On The Road
[MetalWave] Invia una email a Grind On The Road [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grind On The Road [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grind On The Road [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Grind On The Road [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Grind On The Road

 

Recensione

I Dementia Senex sono un gruppo Progressive Death/Sludge Metal proveniente da Cesena, Italia. Rilasciano il loro EP “Heartworm” l’8 aprile 2013, sotto l’etichetta discografica “The Path Less Traveled Records”.
L’EP contiene 3 tracce che spaziano dal death metal fino ad arrivare allo sludge, al post-hardcore, al progressive e in alcuni tratti al doom.
L’album può risultare di non facile ascolto, almeno per i primi ascolti: infatti i brani sono molto digressivi e tecnici, e richiedono una particolare attenzione per essere studiati ed analizzati nella loro interezza.
Come spesso accade nella scena musicale odierna, si sentono (per l’ennesima volta) le influenze di gruppi come Mastodon o Isis, famosi gruppi sludge: lo stesso dunque accade in questo EP, che non solo ripropone il sound delle due band precedentemente citate, ma lo implementa anche con altri elementi, in modo da rendere il lavoro più progressivo e ricco.
Tale implemento è sicuramente ben riuscito sia al livello tecnico che al livello di omogeneità musicale, infatti la band riesce ad amalgamare benissimo i vari genere suddetti, in maniera quasi costante, non rendendo affatto frammentarie le tracce dell’EP.
La questione è sempre la solita, l’innovazione e l’originalità: l’album non propone una grossissima novità musicale, in parte c’era da aspettarselo, in quanto è ormai difficile distinguersi in maniera netta in ambito musicale, essendo state esplorate praticamente tutte le branche di tale ambito; rimane però la possibilità di basarsi su più generi, su più stili, potendoli così unire, reinterpretare e personalizzare, cosa non sicuramente facilissima, ma che i Dementia Senex riescono a fare al meglio.
Dunque, riepilogando, l’EP Heartworm, in 3 brani, ripropone in maniera personalizzata, ed ottima, vari generi e vari stili molto interessanti, dal prog al death, dal doom allo sludge e al post-hardcore (come già detto in precedenza).
Gli italiani Dementia Senex dimostrano di avere molto talento e di saperlo sfruttare in maniera eccelsa: non resta che aspettare l’uscita di un loro full-lenght, valutando di conseguenza la prossima tappa evolutiva musicale della band.

Track by Track
  1. Unscented Walls 85
  2. Kairos 75
  3. Heartworm 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
79

 

Recensione di V-Rhyme » pubblicata il 17.04.2013. Articolo letto 2023 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.