Psychofagist «Songs of Faint and Distortion» (2013)

Psychofagist «Songs Of Faint And Distortion» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
25.03.2013

 

Visualizzazioni:
1830

 

Band:
Psychofagist
[MetalWave] Invia una email a Psychofagist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Psychofagist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Psychofagist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Psychofagist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Psychofagist [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Psychofagist

 

Titolo:
Songs of Faint and Distortion

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marcello Sarino :: Vocals, Bass
Stefano Ferrian :: Guitars, Effects
Federico De Bernardi Di Valserra :: Drums

featuring:
Napalmed :: Electronics

 

Genere:
Technical Death Metal / Grindcore / Hardcore

 

Durata:
31' 40"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.03.2013

 

Etichetta:
Fobofile Productions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fobofile Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Fobofile Productions
Memorial Records
[MetalWave] Invia una email a Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Memorial Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Memorial Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ormai è appurato abbondantemente che gli italiani Psychofagist possiedono quel quid che li rende una della realtà più interessanti non solo nel nostro paese ma anche a livello internazionale. Li abbiamo ascoltati, recensiti e seguiti sempre con interesse ma devo ammettere che con questo “Songs Of Faint And Distortion” i nostri si confermano in modo del tutto indelebile come un gruppo di genialoidi della musica estrema.
Credo sia sbagliato attribuirgli la pecetta di gruppo “Grind/Death Metal” o similari in quanto con questa ultima loro fatica ormai posso dire di aver trovato una band che capovolge stilisticamente tutto ciò a cui siamo abituati da sempre e, soprattutto con “Songs Of Faint And Distortion” la realtà viene stravolta e ci troviamo a fare i conti con mezzora di autentica follia della quale fanno parte, come featuring, i cechi Napalmed, progetto noise di livelli molto alti che hanno felicemente collaborato con gli Psychofagist per costruire qualcosa che musicalmente, a mio parere, non ha una definizione ed è assolutamente impossibile da inserire in qualche contesto. Avantgarde, musica sperimentale contemporanea, chiamatela come volete, fatto sta che qui dentro non coesistono solo esplosioni di malattia mentale e rumori pazzeschi ma si verifica proprio la nascita di qualcosa che riscrive da capo il concetto di musica estrema al limite dell’umano, al limite della realtà e completamente fuori dal mondo.
“Songs Of Faint And Distortion” è un disco inattaccabile da ogni punto di vista, sia per quanto riguarda l’artwork che per la qualità sonora con cui è esso stesso presentato: veramente ottima. Ovvio, non si tratta di un disco per gente che adora la musica per così dire “convenzionale” dal momento che tutto c’è fuorché armonia e accordi senza tensioni minime. Vengono sparati suoni disumani in modo del tutto accecante e violento senza tuttavia risultare banali o presuntuosi, tutt’altro. C’è davvero moltissimo che gli Psychofagist hanno comunicato concettualmente fino ad oggi e di certo sembrano trovare sempre del carburante per andare avanti infischiandosene di etichette o quant’altro: c’è rabbia, sudore, malattia, immagini visionarie, strutture completamente sorprendenti e dinamiche (“come se non ci fosse un dopo-domani”), furore e nulla che possa risultare “quadrato”. Insuperabili come gruppo per quanto riguarda questo genere di proposta. Incredibili come sempre e certamente invidiabili da tutte le nazioni che non siano la nostra, un fiore all’occhiello senza dubbio.

Track by Track
  1. Blankness.Reigns.Supreme 85
  2. Movement 85
  3. Mechanoabsurdity 85
  4. Neuronopatia Sensitiva Subacuta 90
  5. Digression Into Distortion 90
  6. Inhuman 3.0 85
  7. 22nd Century isshapen Man 85
  8. Song of Faint 1 90
  9. An Autism Aenigma 90
  10. Unique.ElectroniX.Forms 90
  11. Un-Initiation 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
85

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 25.03.2013. Articolo letto 1830 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.