Grace Disgraced «Enthrallment Traced» (2013)

Grace Disgraced «Enthrallment Traced» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
21.03.2013

 

Visualizzazioni:
855

 

Band:
Grace Disgraced
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grace Disgraced [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Grace Disgraced

 

Titolo:
Enthrallment Traced

 

Nazione:
Russia

 

Formazione:
Polina Berezko :: Vocals
Alexandr :: Guitars
Chistophor Moleskin :: Bass
Andrew Ischenko :: Drums

 

Genere:
Technical / Brutal Death Metal

 

Durata:
43' 47"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2013

 

Etichetta:
Buil2kill Records
[MetalWave] Invia una email a Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Buil2kill Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nadir Promotion
[MetalWave] Invia una email a Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nadir Promotion

 

Recensione

I russi Grace Disgraced sono certamente una Death Metal band molto curiosa; immaginate di trovarvi di fronte a quattro musicisti di alto livello (ma qui da noi ancora praticamente sconosciuti) che hanno imparato la lezione dei Death di Symbolic e Individual Thought Patterns, che sono praticamente uno dei pochi gruppi all’altezza di suonare Death Metal improntato stilisticamente verso il tecnicismo della band di cui sopra e che alla voce, invece di un uomo, c’è una cantante donna perfettamente in grado di reggere registri di growl e scream.
Tanto vi dovrebbe bastare come presentazione dei Grace Disgraced che hanno dato alle stampe il loro esordio discografico chiamato “Enthrallment Traced” lo scorso Marzo 2012 e poco importa se a noi di Metalwave è giunto un anno dopo, l’attesa probabilmente può essere stata premiata da questi tre quarti d’ora che fanno venire il sorriso e migliorano la giornata a chi è cresciuto a pane e “The Sound Of Perseverance”.
Ciarlare di mera tribute band dei Death mi sembrerebbe abbastanza riduttivo oltre che offensivo poiché i nostri usano questa forte influenza come stile e nulla più: ciò che hanno da dire lo dicono senza mezzi termini generando brani dalla durata anche non indifferente (la media si aggira intorno ai 6 minuti) senza mai ripetersi, senza mai essere noiosi o mostrare segni di debolezza. Ogni riff e ogni solo rifà un po’ il verso a quella vecchia volpe di Schuldiner ok, ma riesce a mantenersi saldo a quella modernità cui siamo abituati; non a caso avvengono anche momenti di pura violenza con blast beat e sferragliate eseguite naturalmente in modo preciso.
Nessuna banalità. Credo siano uno dei pochi gruppi che ho avuto il piacere di ascoltare in quest’ultimo periodo e non c’è davvero nessun trucco. Nonostante i fortissimi richiami nostalgici a quel Death Metal tecnico che fu i Grace Disgraced sanno fare il loro lavoro, sanno convincere, sanno emozionare. L’importante è sempre questo.
Ultimo ma non ultimo la qualità sonora con la quale il disco è stato prodotto: eccellente e valorizzante.
“Enthrallment Traced” è un disco coi fiocchi.

Track by Track
  1. Prophecy Of Somnambulist 80
  2. Hypocritical Oath 80
  3. To Autumn 75
  4. Psycho Cycle 80
  5. Adzhimushkai 80
  6. Villain 80
  7. Orchids Of The Fallen Empire 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 21.03.2013. Articolo letto 855 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.