Baxter Stockman «Punter» (2013)

Baxter Stockman «Punter» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
19.03.2013

 

Visualizzazioni:
786

 

Band:
Baxter Stockman
[MetalWave] Invia una email a Baxter Stockman [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Baxter Stockman [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Baxter Stockman [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Baxter Stockman [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Baxter Stockman

 

Titolo:
Punter

 

Nazione:
Finlandia

 

Formazione:
Markus :: Vocals, Guitar
Visa :: Bass
Drums – Max :: Drums

 

Genere:
Rock

 

Durata:
35' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
29.03.2013

 

Etichetta:
Ektro Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ektro Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ektro Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Ektro Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Infektion PR
[MetalWave] Invia una email a Infektion PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Infektion PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Infektion PR

 

Recensione

Non ho mai sentito prima d’ora i finlandesi Baxter Stockman ma con “Punter“ devo ammettere che ho colmato la lacuna. Si tratta di qualcosa di assolutamente malato da approfondire senza pensarci due volte che farà la felicità di tutti gli amanti dell’Art Rock o dei Tool oppure di qualche genere tendente al Math Rock visionario o al Noise anche se questo full-lenght probabilmente supera lo stesso concetto di Rock o di pseudo tale permettendo una visione estremamente più ampia della musica.
I nostri posseggono una buona tecnica messa al servizio di tutto ciò che gli passa per la mente, per fare un esempio potrei citare la stessa opener e title-track“Punter “ che fa pensare ad un problema al cd oppure che la lente del lettore si sia guastata incantandosi e invece il brano è davvero come lo si ascolta: costituito interamente da un solo accordo con giochi di ritmo improvvisi mentre con “Non Smoker” abbiamo un’atmosfera a cavallo tra Tool e Meshuggah se questi ultimi suonassero rock e non metal e con la terza “Blue Balls” approdiamo persino a qualcosa simile ai primi System Of a Down sotto acidi.
E’ qualcosa di fortemente discordante, assolutamente dissonante, minimale nelle melodie, con note e accordi ragionatissimi e fuorvianti che minano ad una sanità mentale standard, ricercato nelle atmosfere e incredibilmente originale e coraggiosissimo nel contempo, di certo un disco da ascoltare molto lentamente oppure tutto d’un fiato per un pubblico già abituato. E stiamo parlando di un trio che suona generando musica come fossero in dieci come minimo.
Non posso far altro che consigliarlo a tutti coloro che cercano una mezzora di follia, non esattamente un capolavoro ma di certo uno dei dischi più originali che ho ascoltato in quest’ultimo anno; diciamo che anche i Baxter Stockman hanno il loro Umma Gumma.

Track by Track
  1. Punter 80
  2. Non Smoker 80
  3. Blue Balls 80
  4. Brodown 75
  5. FemDom 70
  6. Labour 80
  7. Poltergeist Pussy 75
  8. Ten Rock 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 19.03.2013. Articolo letto 786 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.