In Utero Cannibalism «Sick» (2013)

In Utero Cannibalism «Sick» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival Creation »

 

Recensione Pubblicata il:
11.03.2013

 

Visualizzazioni:
952

 

Band:
In Utero Cannibalism
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di In Utero Cannibalism [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di In Utero Cannibalism

 

Titolo:
Sick

 

Nazione:
Grecia

 

Formazione:
Bill :: Vocals
Alex :: Drums
Mike :: Guitars
Stefanos :: Bass

 

Genere:
Death Metal

 

Durata:
30' 41"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.03.2013

 

Etichetta:
Sleaszy Rider Records
[MetalWave] Invia una email a Sleaszy Rider Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sleaszy Rider Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Sleaszy Rider Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Massacre Promotion
[MetalWave] Invia una email a Massacre Promotion

 

Recensione

Per i greci In Utero Cannibalism è giunto il momento del terzo album in studio e con una line up quasi totalmente rinnovata ritornano, dopo il discreto “Frenzied”, a devastarci i timpani con un Death Metal di stampo abbastanza d’oltreoceano (anche un po’ East Coast style se vogliamo).
Non ho eccessivamente apprezzato la qualità sonora di “Sick” con la quale è stato presentato il tutto per una ragione di mixaggio o probabilmente di mastering finale che ha, a mio modesto parere, filtrato troppo le linee dei ritmi della batteria conducendola forzatamente verso una compressione forzata della cassa e del rullante (e del ride) penalizzando molto la dinamicità dei singoli pezzi che appaiono sicuramente ben forgiati e ben eseguiti senza eccessive pretese né originalità ma che si sono trovati in uno stadio di sonorità troppo legato all’effettistica e meno alla sostanza ma del resto si parla di gusti personali e di percezione in toto.
Impossibile non elogiare le voci del singer Bill, egregiamente interpretate e provenienti forse più dal Grindcore che dal Death Metal (Napalm Death docet!) e quindi questi urli non propriamente growl né screaming donano maggiore furore e violenza ai pezzi.
Tolto il discorso produzione i ritmi sono molto interessanti anche se a tratti un po’ ripetitivi così come i riff delle chitarre e quest’ultimo strumento non viene lasciato senza qualche sufficiente solo inserito qua e là per dare un tocco di respiro e di melodia per quanto sempre molto blanda ma attinente al genere.
Mi vengono in mente i primi lavori dei Deicide e i mezzani dei Cannibal Corpse senza chissà quale personalità di fondo ma “Sick”, sebbene inondato letteralmente di blast beat e pattern che già conoscete da almeno una decade, non delude le aspettative: è Death Metal puro e crudo, mai troppo old-school né mai troppo moderno, sempre a cavallo tra il ricordare qualcosa e il sapersi far apprezzare.
Generalmente è un disco nella norma, prevedibile sotto tanti aspetti ma sempre e comunque onesto. I fan apprezzeranno di certo.

Track by Track
  1. Lockdown 70
  2. Pieces Of Shit 70
  3. Sick As I Burn 70
  4. Dead Nation 75
  5. No Return 75
  6. Retribution In Gore 65
  7. Bloodless 65
  8. Judas 65
  9. Sick 70
  10. Lab Rats To Eradicate 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
66

 

Recensione di Carnival Creation » pubblicata il 11.03.2013. Articolo letto 952 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.