Crest of Darkness «In The Presence Of Death» (2013)

Crest Of Darkness «In The Presence Of Death» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
10.03.2013

 

Visualizzazioni:
803

 

Band:
Crest of Darkness
[MetalWave] Invia una email a Crest of Darkness [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Crest of Darkness [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Crest of Darkness [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Crest of Darkness

 

Titolo:
In The Presence Of Death

 

Nazione:
Norvegia

 

Formazione:
Ingar Amlien: vocals, bass
Hjetil Hektoen: drums
Rebo: lead and rhythm guitar, keyboards

 

Genere:
Evil Black Metal

 

Durata:
41' 58"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
25.02.2013

 

Etichetta:
My Kingdom Music
[MetalWave] Invia una email a My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di My Kingdom Music

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quante volte ho ripetuto, scrivendolo, parlandone, che il black metal, per lo meno quello più ortodosso, ormai non ha più nulla da dire? E ho amato alla follia gruppi come Darkthrone, Immortal, Marduk e Dark Funeral, ma a differenza di tutti quegli altri generi consunti, che possono essere il blues, il thrash, il death, o anche l'hardcore punk, si è trovato ancora più spoglio dal momento che i punti fermi del genere dipendono esclusivamente dall'atmosfera misteriosa ed intrigante dell'underground più putrido. In un intervista con i Laetitia In Holocaust, che promuovevano il loro nuovo album, un black metal spoglio di distorsioni, realmente in grado di spaziare verso nuovi lidi, i membri stessi mi facevano notare la tristezza di trovarsi a concerti black metal giganteschi, dove la band incita a tenere il ritmo dei brani con gli ormai arcinoti “ehi! Ehi!”; creando un'atmosfera goliardica, lontana dagli orrori narrati nei testi. Alcuni autori hanno deciso di prendere una strada più lontana dai canali ufficiali, ma restano troppo legati ad una formula incredibilmente fine a sé stessa. Che dire di questi Crest Of Darkness, presenti sulle scene sin dal 1993? Questo album paga pesantissimo tributo agli Immortal, ma proprio i primissimi, quelli di “Diabolical Fullmoon Mistycism”, in particolare nelle chiassose vocals, ma anche nelle trame ritmiche, che influenzano molto anche il riffing generale; ascoltate un brano come “Redemption”, per sentirvi di nuovo proiettati negli anni 90. Non mancano i tentativi di uscire da questa “prigione”, che si manifestano in una maggiore vicinanza al metal classico, con assoli brillanti, oppure con i metodi più squadrati e taglienti del death metal o del thrash (per esempio in “Womb Of The Wolf”). Ottimo come disco per sbattere la testa, ha una produzione devastante, ma anche totalmente avulsa dall'underground (i suoni della batteria sarebbero più adatti ad un gruppo brutal death, per capirci), e alcuni momenti discretamente coinvolgenti: un brano come “Vampire Dreams” ha sicuramente un tiro sopra le righe. Purtroppo alla fine dell'ascolto non resta moltissimo, se non una tecnica ovviamente rodata, e qualche inserto piacevole, sì, ma non personale. Sufficienza assicurata, ma resta un ascolto per soli maniaci del death/black metal.

Track by Track
  1. Intro 55
  2. In The Presence Of Death 65
  3. Demon Child 60
  4. Redemption 60
  5. The Priest From Hell 60
  6. Welcome to My Funeral 60
  7. Womb Of The Wolf 65
  8. Vampire Dreams 65
  9. From The Dead 60
  10. The Day Before She Died 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
62

 

Recensione di June » pubblicata il 10.03.2013. Articolo letto 803 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.