Geminy «The Prophecy» (2013)

Geminy «The Prophecy» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Elbereth »

 

Recensione Pubblicata il:
24.02.2013

 

Visualizzazioni:
1712

 

Band:
Geminy
[MetalWave] Invia una email a Geminy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Geminy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Geminy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Geminy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Geminy

 

Titolo:
The Prophecy

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Francesco Filippone - Vocals
Marco Manzani - Guitar
Ivano Lavezzini -Keyboard
Alessio Pucciano - Guitar
Francesco Molinelli - Bass
Maurizio De Palo- Drums

 

Genere:
Power-Prog Metal

 

Durata:
59' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.11.2012

 

Etichetta:
Nadir Music
[MetalWave] Invia una email a Nadir Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Music

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
Nadir Promotion
[MetalWave] Invia una email a Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nadir Promotion

 

Recensione

I Geminy, heavy/prog metal band genovese, pubblicano nel dicembre 2012 il primo full length, “The Prophecy”, un concept dalla trama fiabesca ma con un sound progressive; il che potrebbe lasciar abbastanza perplessi i più affezionati alla classica associazione di tematiche fantasy a sonorità tipicamente epic e power, ma il sestetto ligure ci stupirà.

Quindici tracce ci narrano le peripezie di Myor, erede del re Alabar (reso folle da una maledizione) del regno di Maraween: le sorti del regno dipendono da un ciondolo magico, la cui ricerca metterà a dura prova Myor che si ritroverà a dover affrontare l’ostilità di diverse divinità fino ad ascendere egli stesso.
Nelle due demo precedenti (The Hidden Door – 2006 e The King of Gorm – 2010), già recensite da Metalwave, sono presenti versioni alternative dei pezzi che compongono il full lenght e da un (ahimè veloce..) confronto emerge la maturità raggiunta dai Geminy nella stesura definitiva dell’album.

Il disco parte con “Into the Prophecy”, due minuti di intro strumentale che ci spalancano le porte del regno di Maraween; segue “Nordic Sea”, tastiere e chitarre in prima fila, potenti e grintose, per descrivere la furia della tempesta. Tredici secondi di “fuga” precedono “Escape”, con un refrain dal gusto hard rock tipicamente eighties potrebbe benissimo essere la dodicesima traccia di Crazy World della band di Hannover per quanto riguarda la linea vocale (–e da fan di vecchia data degli Scorpions questo è da intendersi come un complimento), potenti ed energici i riff di chitarra e molto sentito l’assolo finale degno di nota, tutto ciò sempre accompagnato da un uso sapiente delle tastiere.
L’ascolto procede senza intoppi fino al cambio di rotta: “Abyss”, una power ballad fine, curata nei minimi dettagli: dalla profonda morbidezza della voce al delay della sei corde.

Con le successive “Empty Streets” e la splendida“Mind Control” si torna su sentieri tortuosi e oscuri, il sound si incattivisce e torna aggressivo, seguendo la trama del concept. È Roberto Tiranti l’ospite di “My Fellow Prisoner”, le voci dei due singer si inseguono e si accavallano, un ritornello coinvolgente e di rapida assimilazione, bell’assolo di chitarra, bell’assolo di tastiera, ritmica incalzante: ottimo brano.
Ci prepara alla battaglia un’altra veloce intro strumentale che precede “Temple of Heroes”, dai toni prettamente prog, con chitarre a tratti trash, a sottolineare ancora una volta l’eterogeintà stilistica del lavoro dei Geminy e la battaglia finale che il protagonista deve affrontare.

Seguono “Evil Eye” e la title track “The Prophecy”, la vera perla progressive dell’album, da ascoltare, come tutto il cd del resto, un concept interessante ed elegante, un made in Italy di qualità, in cui convivono armoniosamente diverse influenze stilistiche e abilmente il sound riesce ad evocare le atmosfere della trama concettuale.

Track by Track
  1. Into the Prophecy 75
  2. Nordic Sea 75
  3. Running Away 75
  4. Escape 85
  5. Trinity Necklace 70
  6. Drowning 75
  7. Abyss 85
  8. Empty Streets 85
  9. Mind Control 90
  10. Captured 75
  11. My Fellow Prisoner 90
  12. Throught the Spirit 75
  13. Temple of Heroes 80
  14. Evil Eye 75
  15. The Prophecy 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Elbereth » pubblicata il 24.02.2013. Articolo letto 1712 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.