Derdian «Limbo» (2013)

Derdian ĞLimboğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
MrSteve »

 

Recensione Pubblicata il:
16.02.2013

 

Visualizzazioni:
1916

 

Band:
Derdian
[MetalWave] Invia una email a Derdian [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Derdian [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Derdian [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Derdian [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Derdian [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Derdian [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Derdian

 

Titolo:
Limbo

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ivan Giannini- Vocals
Henry Pistolese - Guitar, Backing Vocals
Marco Garau - Keyboards
Dario Radaelli - Guitar
Salvatore Giordano - Drums
Luciano Severgnini - Bass

 

Genere:
Symphonic Power Metal

 

Durata:
1h 7' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
13.03.2013

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ricordo che una volta, a un concerto, un mio amico mi disse: "I Rhapsody of Fire sono grandiosi! Tutti i gruppi dovrebbero essere come loro!". Vi risparmio la discussione sul gusto personale che ne è seguita, però è chiara una cosa: li vicino, tra il pubblico, c'era qualcuno dei Derdian che deve averci sentito molto bene, visto che il loro ultimo album sembra un chiaro omaggio a Luca Turilli e soci.
E la cosa sorprendente è che funziona. Sin dall'opening track si capisce la chiarissima intenzione di richiamarsi a un power metal di stampo sinfonico/neoclassico, basato certamente sui cavalcadraghi di Trieste, ma con vari richiami all'ondata power più tradizionale. Il gusto barocco domina nelle armonizzazioni, nelle successioni e nella scelta delle orchestrazioni, ma è sempre tenuto sotto controllo e non sfocia mai in un neoclassicismo puro. Testi su draghi e saghe epiche, con la canonica voce altissima e potente in inglese con forte accento nostrano (e sezioni cantate direttamente in italiano, molto ben fatte), doppia cassa a elicottero, assoli a sfida tra chitarra e tastiera, ce n'è per ogni tipo di fan di spada e scudo. Un lavoro derivativo? Forse. L'impressione un pochino c'è, ma la realizzazione è così buona che esce immediatamente dalle orecchie di chi ascolta.
Un po' meno riuscito l'intento sperimentativo. Ora, io sono assolutamente a favore della sperimentazione e della fusione tra i generi (l'avantgarde sta facendo miracoli in questo periodo), ma nel power suonano sempre un po' forzate. Capisco benissimo i loro intenti, ma da questo punto di vista, siccome il gruppo basa il proprio sound su uno stile che richiama molto la tradizione, tutti questi esperimenti sembrano parecchio fuori luogo. Ad esempio, l'inserto tango (tango?) di Forever in the Dark è sviluppato e rielaborato molto bene successivamente, ma quando attacca non si puo' fare a meno di pensare che spezzi completamente la continuità di una canzone già perfetta così.
Una grande prova di maturità artistica, su questo non c'è dubbio. Un album davvero ottimo, che fa rialzare un genere che sta scadendo fin troppo nell'imitazione e nella sterilità delle idee, con degli sperimentalismi non molto soddisfacenti ma che si possono più che perdonare di fronte al magnifico lavoro complessivo.
Un'ultima nota: i Derdian guadagnano cinque punti in più per non aver mai utilizzato ballad strappalacrime e inserti recitati o orchestrali in tutto l'album (anche se in un paio di occasioni ho temuto, sono subito tornati a quello che dovrebbe essere il loro mestiere). Grazie, ragazzi. Non ne potevo più.

Track by Track
  1. Carpe Diem 85
  2. Dragon's Life 90
  3. Forever in the Dark 80
  4. Heal My Soul 75
  5. Light of Hate 80
  6. Terror 85
  7. Limbo 90
  8. Kingdom Of Your Heart 80
  9. Strange Journey 75
  10. Hymn Of Liberty 80
  11. Silent Hope 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di MrSteve » pubblicata il 16.02.2013. Articolo letto 1916 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.