Freak Kitchen «Organic» (2005)

Freak Kitchen «Organic» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Jeff »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1356

 

Band:
Freak Kitchen
[MetalWave] Invia una email a Freak Kitchen [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Freak Kitchen [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Freak Kitchen

 

Titolo:
Organic

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
Mattias "IA" Eklundh - voce, chitarra
Christer Ortefors - basso
Björn Fryklund - batteria

 

Genere:

 

Durata:
45' 50"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Porca Vacca!!! Il nuovo album dei Freak Kitchen è uscito finalmente!!! Non potete immaginare quanto stessi aspettando questo “Organic”, il nuovo disco della mia band preferita. Forse quello che alcuni di voi non sanno ancora (non so come e perchè…), ed in tal caso è una vergogna, è che vi state perdendo una delle più originali band band di tutta la scena metal. Ok Freak Kitchen non suonano Death or Black metal, Power Metal, non solo non suonano qualcosa di inseribile nei filoni classici del metal (ed onestamente non mi importa) ma non conosco neanche molte band trendy abili a produrre qualcosa di così alta qualità .

“Organic” è sorprendentemente attuale, e non si può dire diversamente. La “freaky cow” sulla copertina (non ho il booklet) è un eccellente disegno di Thierry Cardinet che incarna perfettamente lo spirito dei Freak Kitchen su questo album talaltro anche molto progressivo … la musica è complessa e soprattutto Organica…

Per quelli che conoscono “Freak Guitar 2” dovete sapere che “Organic” è senza dubbio “il seguito della storia”, nel senso che è facile vedere rispetto a IA, il prosecutore delle composizioni su “Organic” che “Freak Guitar 2”. Questo album è il più “progressive” della band e tutte le canzoni sono veramente complesse grazie anche al suono di chitarra che Mattias mette ovunque. Quello che già conoscono I Freak Kitchen sanno di che parlo e di questo particolare aspetto nella musica della ma su Organic c’è quasi un’overdose di quel suono!!!!!!! Ogni secondo troverai divertenti e funambolici assoli o qualche strano suono (e Mattias non usa nessun pedalino spaciale per farli). Una volta in più, quello che è “catchy” lo è fino in fondo anche se solo le il resto del disco non ha lo stesso tiro delle prime Quattro e si assestano su sonorità più tristi e lente. Quello che impressiona alla fine è la musica stessa e lo ripeto, Mattias Eklundh è uno dei migliori chitarristi , e, Björn (Drums) and Christer (Bass) si dimostrano degni compari vista la loro perizia tecnica.

L’altra faccenda interessante dell’album (come d’uso in casa FK) riguarda le lyrics. "Organic" è molto profondo, forse un po’ di pià degli altri. Sicuramente ci sono canzoni divertenti come “Speak When Spoken To” (con uno special guest direttamente dai Bumblefoot) or “Independent Way of Life” (un grande pamphlet sulla falsità del neo-gothic trend) ma la maggior parte delle alter canzoni parlano di cose serie come il ruolo dei genitori o del razzismo. E, Si, il nuovo album del album del combo svedese attacca chiaramente il fascismo (“Mussolini Mind”) ed il razzismo (“Becky”) e tutte le stupide ideologie che scuotono il nostro bistrattato mondo. Freak Kitchen è sempre (ed ancora una volta) contro la violenza mostrando che una Metal band e dei semplici metallari possano mandare messaggi positivi (vi invito ancora una volta a leggere le loro testi)

Organic non è di facile accesso, questo albumo è anche più complesso e serioso dei precedenti, ma ci sono delle killers songs, e sono sicuro che ci faranno trascorrere momenti felici quando suoneranno durante il prossimo tour (FK è una validissima live band, da non perdere se passano dalle tue parti). L’album è uno dei migliori della band e semplicemente una delle migliori uscite dell’anno. Con una produzione perfetta ed una grande maturità nel songwriting i Freak Kitchen dimostrano di essere una band sulla quale contare. Con “Organic”, sono sicuro che I Freak Kitchen diventeranno un classico per molti.

Track by Track
  1. Speak When Spoken To 95
  2. The Rights To You 90
  3. Look Bored 90
  4. Chest Pain Waltz 90
  5. Mussolini Mind 95
  6. Guilt Trip 85
  7. Becky 90
  8. Independent Way Of Life 95
  9. Heal Me 85
  10. Infidelity Ghost 90
  11. Sob Story 85
  12. Breathe 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 95
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 99
Giudizio Finale
91

 

Recensione di Jeff » pubblicata il --. Articolo letto 1356 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.