Concrete «Madness» (2012)

Concrete «Madness» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1277

 

Band:
Concrete
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Concrete [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Concrete

 

Titolo:
Madness

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Manuele Ruggiero :: Vocals, Guitars
Massimo Ercoli :: Guitars, Backing Vocals
Daniele Orlandi :: Bass
Luca Nazzari :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
19' 21"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

EP d’esordio per i Concrete che escono fuori così, dal nulla, con questi venti minuti di Thrash Metal volutamente riportato ad una dimensione “old school” e spogliato quindi di tutte le modernità quindi per forza di cose scarno ed essenziale; non è certo un elemento negativo, in questo mare di produzioni che dicono talmente tante cose da non comunicare pressoché nulla, il lavoro onestissimo dei Concrete, come minimo necessita di grande rispetto.
Ok, non sarà originale ed è suonato in modo ancora un po’ acerbo per poter fare il grande passo del full-length ma ha un suo valore e come atto creativo di certo dice la sua e non si propone come il grande passo in avanti della band, tutt’altro. E’ un inizio, una concretizzazione del desiderio dei quattro ragazzi della band di suonare il loro genere preferito con passione e amore per la loro musica favorita.
I brani si sviluppano in modo tutto sommato buono nonostante le imperfezioni dovute probabilmente ad un po’ di ingenuità, nulla di cui preoccuparsi comunque, i nostri sanno cavarsela su tirate Thrash di tutto rispetto, richiamando quegli Slayer, Onslaught ed Anthrax che tanto abbiamo ascoltato in passato e che qui sono riportati sotto forma di “omaggio” nelle influenze così forti che i Concrete, col tempo e con la giusta personalità, si potranno togliere di dosso. Del resto il quartetto ha iniziato (com’è logico e giusto) con l’esecuzione di cover per poter costruire un sound da cui partire quindi mi sembra ovvio che il lavoro deve continuare ad evolversi.
A volte la semplicità e l’onestà pagano anche se dovrebbero farlo sempre, a mio parere. I Concrete cresceranno, e bene, con “Madness” possiamo assistere alla costruzione di basi solide per il futuro.

Track by Track
  1. Sycon 60
  2. Fuckcilation 70
  3. Devastation 60
  4. Interlude S.V.
  5. Lobotomized 70
  6. Madness 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
64

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1277 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.