Ciementificio «Marcia Marcia» (2012)

Ciementificio «Marcia Marcia» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1406

 

Band:
Ciementificio
[MetalWave] Invia una email a Ciementificio [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ciementificio [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ciementificio

 

Titolo:
Marcia Marcia

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Coletti :: Bass
Tiziano Antognozzi :: Guitars
Valerio Bonasia :: Vocals, Guitars
Alessio Coletti :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
51' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non è facile per me stabilire oggettivamente quanto i miei conterranei (e conosciuti, ma trattati in questa sede con assoluta imparzialità) Ciementificio siano noti e seguiti al di fuori di Pescara e Chieti, poiché qui vanno per la maggiore, ma non molto so sulla loro oggettiva considerazione al di fuori dei nostri confini, e soprattutto per via del fatto che i Ciementificio sono un gruppo heavy/thrash con tematiche allegre e demenziali, non mi è dato sapere granché sul motivo della loro fama, cioè se la gente li segue per campanilismo, per effettivi motivi artistici, o per l’originalità dei loro testi. Ma tutto sommato questo a noi di Metalwave non importa. Ciò che importa è che i Ciementificio hanno prodotto un full length, questo “Marcia Marcia” di 10 tracce per poco meno di un’oretta di musica, uscito per la Dysfunction Productions.
Fare musica satirica non è facile, sia perché si rischia di cadere nel qualunquistico, nell’evitabile e a volte nell’offensivo, sia perché si rischia di essere considerati dei “geni” a sproposito quando magari la musica è di marginale interesse. Fortunatamente però i Ciementificio questo dilemma lo saltano a piè pari e ci regalano un cd che non è troppo old school, non è neanche troppo moderno, non è troppo metal, alle volte è semplice rock, e non parla né di ironie intelligenti, né di robe degne del peggior Colorado café. No: questo cd dei Ciementificio non è settoriale, non si pone minimamente l’obiettivo di separare le varie audience, è in pratica costruito solo per un motivo: fun. Passare una buona quasi oretta di musica facile da sentire e che va un po’ più veloce giusto quando ci serve. A questo serve il cd dei Ciementificio: non farti gasare, non farti morire dalle risate, non farti sentire il nuovo cd degli Slayer, ma farti sentire un po’ di musica allegra, che durante un viaggio lungo ti metterà sempre un sorriso sulla faccia pur senza distrarti dalla guida. Questa è l’ottica giusta per inquadrare il cd. Un cd perfettamente registrato, ben fatto e ben suonato soprattutto negli assoli, e con una manciata di canzoni simpatiche, come la copertina, delle quali quelle meglio riuscite a mio parere sono “Tronista sei il primo della lista”, “Tafferugli” e “Pogo alla volta”, ma anche tutte le altre rispecchiano perfettamente quanto detto sopra, tranne forse la per me poco significativa “Maiala” e “Io e te tre metri sotto terra”, che sinceramente non capisco perché l’han voluta lunga 11 minuti e mezzo.
Insomma: un cd che ha una sola pretesa: “ascoltatelo e divertitevi”. E fa il suo lavoro, non c’è che dire, ci riesce alla grande. Meglio di gruppi come i Longobardeath in quanto più allegri, con brani meno in stile “sbronza e finisce lì” e anche un po’ più comprensibili e digeribili da chi abita lontano dalla loro regione.
Questo cd dei Ciementificio forse non sarà un’icona del genere musicale, tra 10 anni forse ce ne scorderemo pure di cosa abbiamo provato quando lo abbiamo sentito per la prima volta, ma d’altronde non ha queste pretese: l’unica pretesa che ha è quella che quando lo metti nel lettore cd, anche dopo anni, ti fa rivenire sempre un sorriso compiaciuto, e magari pure nostalgico, mentre il tuo viaggio in macchina continua...

Track by Track
  1. Tronista Sei il Primo della Lista 80
  2. Il Treno della Morte 70
  3. Rapimento Alieno 70
  4. Il Faraone Riccone 65
  5. Maiala 55
  6. Pogo alla Volta 75
  7. Marcia Marcia 75
  8. Io e Te Tre Metri Sotto Terra 60
  9. I Love You Thrash Metal 75
  10. Tafferugli 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il --. Articolo letto 1406 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.