Anthologies «Alpha» (2012)

Anthologies «Alpha» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Revenant »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1995

 

Band:
Anthologies
[MetalWave] Invia una email a Anthologies [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anthologies [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anthologies [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Anthologies

 

Titolo:
Alpha

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Schumperlin :: Vocals And Cymbals
Fabrizio Amapane :: Guitars
Samuele Marchi :: Guitars, Keyboards And Theremin
Silvia Gadina :: Bass
Valerio Ferrari :: Drums And Percussions

 

Genere:

 

Durata:
37' 22"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I novaresi Anthologies hanno da poco dato alla luce la loro prima fatica, un cd composto da 7 tracce intitolato “Alpha” . Anche se si trovano al loro debutto musicale, hanno già parecchia esperienza alle spalle, vantano concerti come supporto a band di rilevo come Eluveitie , Finntroll e Folkstone.
La band ci propone un gothic metal vecchio stampo con influenze doom , stile Candlemass miscelando il tutto con qualche ondata thrasheggiante che interrompe un po’ i riff cadenzati e cupi caratteristici dell’album. Inoltre si sente anche una certa influenza folk, soprattutto nei testi. Un esempio è la canzone di apertura dell’album intitolata “Baba Yaga” che trae spunto da un personaggio della mitologia slava. Invece nella canzone “Betray Me” pur conservando l’atmosfera cupa che aleggia per tutto l’album troviamo un’influenza thrash che dona alla canzone un ritmo davvero incalzante, accompagnato da un buon uso del doppio pedale. Poi troviamo “One Of These Days” dove la decadenza la fa da padrone. Con una prima parte molto maliconica dove abbiamo l’utilizzo di una voce pulita, che viene interrotta bruscamente entrando nella parte più aggressiva della canzone, dove anche la voce cambia diventando sporca e graffiante. Abbiamo anche una traccia solo strumentale che risulta essere molto evocativa e qui si manifesta la passione dei membri della band per il folk. Come ultima traccia, troviamo la cover davvero ben fatta della canzone del gruppo white metal “Rose Rovine e Amanti” intitolata “ Paura del Demonio”. In generale possiamo dire che gli Anthologies hanno fatto un lavoro davvero buono con questo loro primo cd e ci auguriamo che in seguito, la qualità possa aumentare ulteriormente sia compositiva sia per quanto riguarda la qualità del prodotto finito. Pur essendo un cd autoprodotto è stato svolto un lavoro molto buono a livello di registrazione e mixaggio e sicuramente questa esperienza li aiuterà a crescere.

Track by Track
  1. Baba Yaga 90
  2. My Cards 85
  3. No Brain 75
  4. Betray Me 75
  5. One Of These Days 80
  6. Leaves in the Fog 90
  7. Paura del Demonio 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 100
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Revenant » pubblicata il --. Articolo letto 1995 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.