Mutant Squad «Social Misfits» (2012)

Mutant Squad «Social Misfits» | MetalWave.it Recensioni Autore:
FallenAngel »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
695

 

Band:
Mutant Squad
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mutant Squad [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Mutant Squad

 

Titolo:
Social Misfits

 

Nazione:
Spagna

 

Formazione:
Pla (voce, Chitarra)
Campi (basso)
Caki (batteria)

 

Genere:

 

Durata:
22' 30"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I galiziani Mutant Squad si rifanno vivi dopo tre anni di silenzio con questo EP intitolato “Social misfits”; un lavoro sicuramente meglio studiato e più personale del precedente EP autoprodotto “Reset the world”.
Il combo spagnolo ci delizia con un thrash metal vecchia scuola che ha il suo punto di forza nei riff di chitarra al fulmicotone e nelle cavalcate di doppia cassa. Fin dall’opener “Black harvest” è evidente che i nostri prendono spunto qua e là dal sound thash “bay-area” americano, mischiato con momenti europei, il tutto amalgamato con un briciolo di personalità che non guasta mai.
Pla alla voce cerca di imitare, in svariate situazioni, il vocalist degli Overkill con buoni risultati e con linee vocali convincenti e che aggiungono ulteriore energia ad un comparto ritmico di tutto rispetto.
La situazione cambia leggermente con la song “The machine” carica di cambi di tempo e cori che ricordano da vicino il sound dei teutonici Destruction nelle parti veloci invitando anche il più tranquillo ascoltatore a scatenarsi in un headbanging sfrenato.
L’unico brano del platter che non mi convince del tutto è la conclusiva “Cannon fodder” che parte in maniera energica ed impeccabile ma che si perde strada facendo tra esperimenti vicini al sound nu metal e una linea vocale un po’ troppo banale.
Questo “Social misfits” è quindi un lavoro di tutto rispetto sotto ogni aspetto che consiglio vivamente a tutti i nostalgici del thrash metal anni ’90. Il platter non presenta innovazioni nel genere e segue un canovaccio trito e ritrito ma sempre molto gradevole.

Track by Track
  1. Black Harvest 80
  2. Remember 70
  3. The machine 75
  4. Cannon Fodder 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
71

 

Recensione di FallenAngel » pubblicata il --. Articolo letto 695 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.