Thin Wire Unlaced «Get Out Of My Head» (2012)

Thin Wire Unlaced «Get Out Of My Head» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Mad Curtis »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1362

 

Band:
Thin Wire Unlaced
[MetalWave] Invia una email a Thin Wire Unlaced [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Thin Wire Unlaced [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Thin Wire Unlaced [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Thin Wire Unlaced

 

Titolo:
Get Out Of My Head

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Steph (vocals)
Dirty Frank (guitars & Backing Vocals)
Tripp (bass)
The Cuttlefish (drums)

 

Genere:

 

Durata:
22' 36"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quando gli Alice in Chains ti cambiano la visione della musica e incappi in un gruppo che ce li ha nell’anima non puoi che esprimere un giudizio positivo lungimirante su di loro. Quando poi ci aggiungi quel pizzico di Billy Howerdel alla chitarra e una voce grossa, piena e incazzata esce il connubio perfetto per ottenere un prodotto di qualità in grado di adempire le esigenze di chi mastica quotidianamente l’hard rock.
Mai banali, con ritmiche originali, i Thin Wire Unlaced sfornano Get Out Of My Head un EP composto da quattro brani carichi di rabbia e riflessioni. I molteplici controtempi e cambi di intensità danno ad ogni singolo brano il giusto groove che ti accompagna per 23 minuti, senza mai farti distogliere l’orecchio da ogni singola nota. Hanno impatto, e potenza che contrastano sapientemente con momenti di quiete sempre difficili da gestire.
Il loro alternative anni 90 apparentemente potrebbe sembrare uno scontato richiamo alle sonorità passate in parte morte, ma con intelligenza ed esperienza i TWU risvegliano con uno sguardo al futuro un genere che per troppo tempo è stato abbandonato in favore di sperimentazioni spesso al limite dell’eccesso fini a se stesse e morte sul nascere. C’è speranza e fortunatamente ce l’abbiamo in casa. Purtroppo i tempi sono cambiati, i dischi si vendono sempre di meno e le produzioni scarseggiano nel loro ambiente. Ma se riescono ad adattarsi al mercato come hanno fatto con il loro sound sono certo che li sentiremo presto nelle programmazioni delle radio.
Sta a loro dimostrare il loro valore dando tutto quello che hanno nei live, unica via per esprimersi di fronte ad un pubblico purtroppo addormentato dagli stessi media che costantemente propinano noia allo stato puro confondendo quella fascia di pubblico che vive di soli ricordi.

Track by Track
  1. Get out of my head 85
  2. Time 80
  3. The last goodbye 80
  4. Endless Cicle 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Mad Curtis » pubblicata il --. Articolo letto 1362 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.