Secretpath «Wanderer» (2011)

Secretpath «Wanderer» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1632

 

Band:
Secretpath
[MetalWave] Invia una email a Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Secretpath

 

Titolo:
Wanderer

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Paolo Ferrante :: Vocals
Pierluigi Ammirata :: Guitars
Giovanni De Luca :: Bass
Francesco Borrelli :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
28' 57"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Seconda demo per la combo calabrese dei Secrepath. In passato li bocciai con dispiacere ma stavolta l’evoluzione c’è stata rispetto al precedente e traballante “The Choice” (2010) ed ora è finalmente possibile trovarsi di fronte ad una musica più ragionata, ispirata e certamente risultato di un discreto Black/Death Metal altamente versatile e concepito per addizionali influenze che vanno dall’acustica, alla pseudo-musica medievaleggiante ed a soluzioni altamente melodiche pur rispettando sempre e comunque la base del metal estremo di partenza.
Tecnicamente parlando i nostri sono avanzati non poco e sono riusciti a registrare un demo che suona come un album ma è poco più lungo di un EP. Strano ma vero, la qualità sonora con cui il tutto è stato concretizzato è professionale e lascia respirare ogni strumento oltre a non appesantire troppo le voci che comunque sia risultano buone e soprattutto multiforme, ad esempio il pulito di “The Dark Forest Of My Insanity” e la simil-preghiera di “In Praecipiti Esse” raggiungono una teatralità veramente trascinante e suggestiva ma i vari screaming e growl eseguiti dal bravo Paolo Ferrante rendono variegati gli altri pezzi nei quali anche dei leggeri richiami ai primi Opeth non tardano ad arrivare (“And So I Return To The River”) quanto a intromissioni acustiche.
C’è da dire, tuttavia, che i quattro musicisti hanno ancora da lavorare quanto ad amalgamare una sonorità comune che possa essere definita quantomeno lineare. I cinque pezzi sono tutti molto buoni ovviamente ma ci ho trovato ancora non molta unione di gruppo. Sono sicuro che con il tempo questa carenza verrà colmata facilmente, del resto i quattro sono diventati mostruosi quanto a tecnica.
Credo che i Secretpath siano pronti per il full-lenght!

Track by Track
  1. Essence Of Chaos 70
  2. The Dark Forest Of My Insanity 70
  3. In Praecipiti Esse 75
  4. ... And So I Return To The River 75
  5. I'm Your Guide 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
73

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1632 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.