Exilia «Decode» (2012)

Exilia ĞDecodeğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Mad Curtis »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1149

 

Band:
Exilia
[MetalWave] Invia una email a Exilia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Exilia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Exilia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Exilia

 

Titolo:
Decode

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Masha Mysmane (vocals)
Aimer (guitar)
Privacy (bass)
Rob Iaculli (drums)

 

Genere:

 

Durata:
42' 54"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Prorompenti, incalzanti, innovativi...c’è chi nel 2012 riesce a dare personalità al proprio lavoro ma soprattutto alle proprie passioni. Beh, la musica degli EXILIA ti prende dalla prima traccia fino all’ultima, non lasciandoti respirare. Più volte mi è capitato di dover privilegiare il ruolo di un singolo componente del gruppo, palesando la non completezza di un lavoro magari in grado di dare qualcosa in più compensando le defezioni; in questo caso obiettivamente bisogna dare merito al gruppo che riesce a pieni voti a tirare fuori un prodotto alternativo, commerciabile, ma soprattutto di qualità. Se poi ci si mette una produzione che sa valorizzare il sound e la collaborazione di Dave Pensado, possiamo essere sicuri uscirà un lavoro degno di nota.
Ma diamo a Cesare quel che è di Cesare, sottolineando la prova superlativa e soprattutto mai banale della vocalist Masha Mysmane (ovviamente solo per dare un ordine di giudizio), tanto devastante sullo scream, quanto sensuale sulle partiture melodiche. Un dieci alle seconde voci, presenti e ben assortite con tutto il resto. Notevoli le ritmiche di Aimer, originali, suoni perfetti che accompagnano l’ascoltatore costringendolo necessariamente al forzato “scapoccio”. Ottimo lavoro anche da parte di Privacy al basso e Rob Iaculli alla batteria; quest’ultimo mena ininterrottamente, un metronomo umano, talento!
Il gruppo di Milano farà parlare di se grazie a DECODE ma sono certo che non si fermeranno qui. Si percepisce chiaramente che di cose da dire ne hanno e che hanno fame di successo. Personalmente gli auguro il meglio, in Italia, ma soprattutto all’estero dove già in passato il gruppo non ha avuto alcun problema ad insidiarsi nel panorama alternative facendosi notare prepotentemente grazie al sound completo che li caratterizza.
Italians do it better!

Track by Track
  1. Satellite 90
  2. Over The Edge 95
  3. Unconventional 85
  4. Emily 85
  5. Invisible 85
  6. My Exception 90
  7. The Wrath of Gaia 90
  8. Myself 95
  9. Forever 95
  10. Fully Alive 90
  11. All in Vain 85
  12. In My Veins 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
90

 

Recensione di Mad Curtis » pubblicata il --. Articolo letto 1149 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.