Il Tempio delle Clessidre «Il Tempio Delle Clessidre» (2010)

Il Tempio Delle Clessidre ĞIl Tempio Delle Clessidreğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Marie »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1089

 

Band:
Il Tempio delle Clessidre
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Il Tempio delle Clessidre [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Il Tempio delle Clessidre

 

Titolo:
Il Tempio Delle Clessidre

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano "lupo" Galifi :: Vocals
Elisa Montaldo :: Keyboards
Fabio Gremo :: Bass
Giulio Canepa :: Guitar
Paolo Tixi :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
57' 23"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il Tempio delle Clessidre è un estemporaneo quintetto formato da Elisa Montaldo tastierista e compositrice, Stefano Lupo Galifi cantante, Fabio Gremo bassista, Giulio Canepa chitarrista e Paolo Tixi batterista.
Le radici dell'ispirazione di questo gruppo sono profonde nel rock progressivo degli anni '70 e sarà proprio questa passione a permettere ad Elisa e Stefano di incontrarsi a Genova nel 2006 dando origine a questo progetto che deve il nome ad una precedente esperienza del Galifi coinvolto con i Museo Rosenbach nel disco Zarathustra di cui Il Tempio delle Clessidre è il brano conclusivo.
Verso l'alba, pezzo d'apertura de Il Tempio delle Clessidre, è volto a coinvolgere l'ascoltatore in un mondo parallelo con una melodia di organo che sembra composta da Jon Lord a riprova dell'enorme talento di Elisa che qui si manifesta con creatività ed atmosfera. Il disco prosegue in labirinti accelerati e di colpo rallentati da armonie e riff ripetuti vorticosamente che accompagnano e sottolineano l'importanza che le liriche hanno in questo progetto.
“Scendi sera e porta qui il tuo silenzio, lembi di tramonto con schegge di opale” in Le Due Metà di Una Notte; “Nella stanza nascosta tutto ciò che ho sempre sperato è ad un passo della realtà” in La Stanza Nascosta e “Proprio adesso che soffro vivo e dal vuoto una luce segna la strada” in L'Antidoto Mentale sono solo alcuni passaggi della poesia fondamentale per l'intenzione comunicativa de Il Tempo delle Clessidre.
Una nota particolare va all'intensa “Faldistorum” che vede la collaborazione di Max Manfredini come voce narrante e al violoncellista Antonio Fantinuoli guest in La Stanza Nascosta.
Edito per la Black Widow Records questo lavoro è la prova concreta che musica e poesia possono fondersi a pari passo nell'oscurità luccicante di un organo e di una voce.
Il Tempio delle Clessidre ha presentato l'omonimo album al pubblico in Italia dividendo il palco con Goblin, La Locanda delle Fate e Arte e Mestieri, oltreché sui palchi di Seul, e proseguirà con il NEARfest in Pennsylvania quest'anno.

Track by Track
  1. Verso l'Alba 80
  2. Insolita Parte di Me 70
  3. Boccadasse 70
  4. Le Due Metà di Una Notte 70
  5. La Stanza Nascosta 70
  6. Danza Esoterica di Datura 70
  7. Faldistorum 80
  8. L'Attesa 70
  9. Il Centro Sottile 75
  10. L'Antidoto Mentale 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Marie » pubblicata il --. Articolo letto 1089 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.