Abhor «Vocat Spiritum Morti» (2004)

Abhor «Vocat Spiritum Morti» | MetalWave.it Recensioni Autore:
BurdeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
762

 

Band:
Abhor
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Abhor

 

Titolo:
Vocat Spiritum Morti

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:

 

Genere:

 

Durata:
36' 41"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

“Vocat Spritum Morti” non è, ahime, il nuovo album in uscita da parte dei padovani Abhor, storica formazione dedita un oscuro e oserei definire “ritualistico” black metal, che ha fatto della ricerca esoterica una vera e propria ragione di vita, che li porta ben oltre il semplice discorso musicale.
Bene, torniamo a noi, questo mini cd non è altro che la ristampa ufficiale del “Promo 2002” che gli Abhor spedirono un po’ ovunque per cercare qualche etichetta disposta a produrli, impresa riuscita, visto che “Vocat Spirit Morti” esce per la nostrana The Oath Records.
Trentasei minuti di suggestioni oscure, dove spiccano le due nuove songs, “Dawrf” e “Vinum Sabbati”, due arcane e suggestive tracks che fanno ben sperare per il secondo full leght ufficiale, fuori nei prossimi mesi…
Per chi già possiede I.N.R.I., il debut album del 2000 noterà immediatamente l’avvento di una leggera, ma sostanziale svolta stilistica, ora incentrata su trame più dirette e meno ampollose.
Inoltre le due tracce “Wizard” e “Spellbound” giungono direttamente dal debutto di cui sopra, ma in questa sede leggermente remixate con un veste più attuale.
Il package si conclude con due cover veramente ispirate, ben suonate ed arrangiate, dove lo spirito degli Abhor si amalgama perfettamente con le versioni originali, sto parlando di “Non ho Sonno” e “Profondo Rosso”, spero non ci sia bisogno di dire da quale geniale band provengono queste due canzoni, ma che dico, questi due veri e propri capolavori…!
Non resta che attendere fiduciosi il prossimo disco degli Abhor, sicuramente all’altezza della situazione.

Track by Track
  1. Hic Sunt Leones 70
  2. Dawrf 75
  3. Vinum Sabbati 80
  4. Wizard 75
  5. Spellbound (Atmosphere of Fiendish Calm) 70
  6. Non ho Sonno 70
  7. Profondo Rosso 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
74

 

Recensione di BurdeN » pubblicata il --. Articolo letto 762 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.