Paradise Lost «Paradise Lost» (2005)

Paradise Lost «Paradise Lost» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Belial »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
769

 

Band:
Paradise Lost
[MetalWave] Invia una email a Paradise Lost [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Paradise Lost [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Paradise Lost

 

Titolo:
Paradise Lost

 

Nazione:
Inghilterra

 

Formazione:
Nick Holmes :: Vocals
Gregor Mackintosh :: Guitars
Aaron Aedy :: Guitars
Stephen Edmondson :: Bass
Jeff Singer :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
56' 6"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2005

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Signore e Signori, ecco a voi i Paradise Lost, intenso e vissuto gruppo della UK in attivita' sin dal 1988 :D Se gia' conoscevate i Paradise, e ne avevate un parere vi consiglio unicamente di cancellare questo parere e ripartire da 0, cambio di marcia, cambio di rotta, cambio di genere..
Io gia' conosco i Paradise Lost dal 1997, anno di uscita di One Second e li ascoltai anche in occasione di Host del 1999, prima proponendo un genere progressivo accostato a dei climax ambient, io li accomunerei senza voler troppo tirarmi le ire dei critici ai piu' famosi (in quanto a genere progressivo e psichedelico) Sigur Ṛs, ora l'equipe diretta alla voce dal nostro amico Nick parte in 5° con un sound Death Gothic abbastanza sparato..
e voi vi chiederete xke' "abbastanza"? Per il motivo che pur essendo una ritmicita' carica di chitarra e di drum non e' ancora abbastanza matura (secondo il mio modesto parere) per essere un vero e proprio Death, a prescindere dal fatto che Nick usi ancora multieffetti per dare peculiarita' alla propria voce e ancora non si cimenti ne' nel growl ne' nello scream..
Pero' questo "esperimento" c'e' da dar plauso al fatto che riesco a creare un climax sonoro in piena armonia con i testi, da notare le sonorita' di Don't Belong, Accept the Pain e Spirit.. un po' di vena "violenta" come piace al sottoscritto c'e' in Over the Madness
Do' nota particolare a Forever After, gioco di parole? strana intro gothic con voce femminile? c'e' qualcosa di cio' che penso io? voi chiaramente non riuscite a capire ne' il senso delle mie parole ne' potete dare una risposta a primo acchitto.
Vi do' un consiglio reperite, Host e One Second e poi ascoltate questo nuovo lavoro, e date voi per una volta la risposta alla mia domanda :)
Vi Auguro buon ascolto con questo mix fra Sonorita' Death ma ancora quel vecchio sapore di Psichedelico che li caratterizzava una volta'.

Track by Track
  1. Don't belong 85
  2. Close your eyes 85
  3. Grey 80
  4. Red shift 85
  5. Forever after 90
  6. Sun fading 85
  7. Laws of cause 80
  8. All you leave behind 80
  9. Accept the pain 85
  10. Shine 85
  11. Spirit 85
  12. Over the madness 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 90
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Belial » pubblicata il --. Articolo letto 769 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.