Betoken «The Gate of Nothing» (2004)

Betoken «The Gate Of Nothing» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Glory Rider »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
884

 

Band:
Betoken
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Betoken [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Betoken [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Betoken [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Betoken

 

Titolo:
The Gate of Nothing

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ivo Ricci: Rhythm, Lead and Acoustic Guitars, Keyboards, Backing Vocals
Michele De Ponti: Lead and Acoustic Guitars
Marco Sivo: Lead and Backing Vocals
Luca Bonomelli: Bass
Daniele Giusti: Backing Vocals
Alessandro Tolone: Backing Vocals

 

Genere:

 

Durata:
55' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ave a voi, Metal visitatori! :D
Eccomi di nuovo a voi per parlarvi, quest’oggi, del recente lavoro di una band formatasi all’inizio del nuovo millennio: il lavoro in questione è il full-lenght-album “The Gate of Nothing” (targato 2004) e la band in questione è quella che porta il nome di Betoken, che vede coinvolta nella sua line-up ex vocalists di Dakrua (female vocals) e Time Machine (male vocals). Composto da 12 tracce ed una bonus track (“In My Darkest Hour”, cover song di un brano classico dei Megadeth), il disco che ruota ora nel mio lettore presenta composizioni corpose ed articolate, memore dei tipici arrangiamenti ampi del Symphonyc-Progressive Metal, che si amalgamano ad atmosfere di fondo molto “heavy-oriented”, tipiche dell’Epic Metal tradizionale; alcune melodie in particolare ricordano gli intramontabili Iron Maiden (come non mensionarli? :D), anche se le ritmiche viaggiano su ritmi in media molto più serrati (più tradizionalmente Power Metal). Non male la qualità dei suoni, che definirei perfettamente adatti al genere e buona la scelta degli inserti di tastiera e di voce femminile, che creano un mood particolare nel punto giusto dei brani. Come prima release ufficiale, “The Gate Of Nothing” si presenta come un buon prodotto e presagisce buone possibilità per il futuro della band.
Con i migliori auguri di buona riuscita per il futuro dei Betoken, concludo la mia recensione invitandovi ad ascoltare il disco in questione e saluto tutto il pubblico interattivo di Metal Wave e tutti gli elementi dei Betoken (una famiglia, in pratica! :D). Hail You All!

Track by Track
  1. Revelations In A Dream 70
  2. 9 Times 99 75
  3. The Devil In Him 75
  4. The Gate Of Nothing 80
  5. The Secret Of Shenzen 70
  6. Good-Bye My Dream, Good-Bye My Hell 75
  7. Demon’s Spawn 70
  8. Blind-Folded Glory 75
  9. The Entity 80
  10. Your Last Lies 75
  11. Intimate Games 70
  12. Subnuclear 70
  13. In My Darkest Hour (bonus track) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Glory Rider » pubblicata il --. Articolo letto 884 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.