Slaughter Denial «Treachery» (2012)

Slaughter Denial «Treachery» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1046

 

Band:
Slaughter Denial
[MetalWave] Invia una email a Slaughter Denial [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Slaughter Denial [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Slaughter Denial [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Slaughter Denial

 

Titolo:
Treachery

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Fabrizio Losapio :: Vocals
Alessandro Trotto :: Guitars
Claudio Colantoni :: Bass
Simone Tempesta :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
39' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2012

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I romani Slaughter Denial fanno ambo con questa interessante release dal titolo “Treachery”, quasi quaranta minuti di Thrash-Death-Groove Metal (negli gli ultimi minuti dell’ottima “Mind Diverted” compaiono landscapes usati come ghost track) che racchiude in sé un piccolo tesoro cui poter fare riferimento nel nostro paese.
Gradevolissima sorpresa discografica e album costruito veramente bene, questo “Treachery”, difficilmente si troverà in giro una band del genere che sa mescolare l’energia e la violenza del Thrash-Death con delle complesse e accattivanti intelaiature ritmiche del Groove. Possiamo riscontrare una minima parte del loro stile nei primi Sepultura che, rispetto al precedente “Eyes Of Madness”, stavolta si trova in una dimensione più accentuata della furia del Death Metal, anche con l’utilizzo di vocalismi più rabbiosi e, in certi punti, gutturali e profondi, propri del genere di cui sopra e di riff a cavallo dalla resa prevalentemente ritmica e quella di una continua ricerca sonora quasi atonale che genera atmosfere atipiche, forse anche per questo “Treachery” risulta un disco più personale.
I cambi di tempo e di prospettiva si verificano spesso e volentieri ed il tutto è sorretto da una qualità audio veramente ottimale, elemento che fa salire vertiginosamente il punteggio, anche perché, in questo modo, i suoni sono valorizzati e circondano l’ascoltatore in mezzo a viavai continui di ritmi di una precisione scolastica ma di una costruzione originale. Tra le soluzioni all’interno dei mosh e dei rallentamenti che ho incontrato ad un anno a questa parte, quelli adoperati dagli Slaughter Denial sono senza dubbio i più fertili. Difficile non muovere la testa al ritmo di “Strategy Of Tension” o anche “Psychopathic” ma di esempi da fare ce ne sarebbero veramente molti per cui vi esorto ad ascoltare questa piccola grande perla del metal italiano. Come al solito, non abbiamo nulla da invidiare a nessuno!

Track by Track
  1. Ruthless Throwback 80
  2. Milwaukee Cannibal 80
  3. Strategy Of Tension 80
  4. Illusion Of Doubles 80
  5. Redeemer Butcher 70
  6. Treachery 75
  7. Chilling Abduction 75
  8. Psychopathic 80
  9. Mind Diverted 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 100
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
80

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1046 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.