Bleed In Vain «One Day Left» (2004)

Bleed In Vain «One Day Left» | MetalWave.it Recensioni Autore:
HERRERA »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
705

 

Band:
Bleed In Vain
[MetalWave] Invia una email a Bleed In Vain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bleed In Vain [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bleed In Vain

 

Titolo:
One Day Left

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Enrico "Enry" Longhin - Vocals
Davide "Dede" Carraro - Guitars
Enrico "Ena" Pajaro - Guitars
Massimo "KKTZ" Cocchetto - Bass
Giacomo Secco - Drums

 

Genere:

 

Durata:
42' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Davvero un bel lavoro questo che mi è capitato tra le mani. Un cd che emana una grande fantasia, un approccio personale alla musica e sicuramente una produzione curata. Tale prodotto non è ben identificabile in un filone, in un genere musicale in quanto pregno di molteplici tratti caratterizzanti il metal moderno, in cui tuttavia nessuno sovrasta l'altro. Il cd si compone di un crossover molto ben articolato dove i richiami a In Flames, C.O.B. si fondono con ritornelli nu metal e fraseggi progressive. Inoltre, come di rado avviene, il cd è omogeneo: la sua sintassi benchè molto complessa rimane fluida, in poche parole i Bleed In Vain hanno trovato una propria e ben definita identità musicale. Proprio per questo credo che questo lavoro deva essere analizzato come unità e non traccia per traccia. In primis il suono: curato, discretamente equalizzato, certo è che la musica dei Bledd in Vain si meriterebbe una produzione più che buona, eccelsa oserei dire. Tecnicamente invece credo che siano su ottimi livelli, sia come singoli, che come gruppo esprimono la loro perizia non fine a sè stessa ma a l servizio della composizione. Per quanto riguarda, appunto, l'aspetto compositivo devo dire che questo gruppo mi ha da subito impressionato per la sua raffinatezza, per le scelte stilistiche mai barocche nè pompose: "special" curatissimi e particolari, soli di chitarre mai barocchi, ben calibrati sono le note più evidenti della validità di questo gruppo. In conclusione faccio i miei più sinceri auguri a questo combo in quanto ottima promessa del metal nostrano.

Track by Track
  1. Chains And Tears 75
  2. Everytime, Anywhere 70
  3. I Had Not 75
  4. Downwards Into Hate 75
  5. One Day Left 80
  6. Crushing Level 80
  7. An Useless Dream 70
  8. Forget To Forgive 75
  9. This Illusion 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di HERRERA » pubblicata il --. Articolo letto 705 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.