So Much For Nothing «Livsgnist» (2011)

So Much For Nothing «Livsgnist» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Mad Curtis »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
354

 

Band:
So Much For Nothing
[MetalWave] Invia una email a So Much For Nothing [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di So Much For Nothing [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di So Much For Nothing

 

Titolo:
Livsgnist

 

Nazione:
Norvegia

 

Formazione:
Erik Unsgaard - Strings, Vocals, Song- And Lyric Writer
Uruz - Drums

 

Genere:

 

Durata:
50' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il suono di quest’album è unico, più lo ascolti e più ti da...la decadenza del doom che si fonde con il misticismo del black metal e le atmosfere dark ti proiettano nel mondo di Erik Unsgaard e Uruz, rispettivamente cantante chitarrista e batterista dei So Much For Nothing. Il disco è cosparso di partecipazioni che vanno a giustificare la complessità e soprattutto la completezza di un disco che potrebbe tranquillamente stare nella libreria musicale di qualsiasi cultore del Black Metal, soprattutto se scandinavo, puro.
Ci sono voluti ben due anni e mezzo per mettere insieme i pezzi, registrare, missare e soprattutto farsi notare dalla “My Kingdom Music” che non si è lasciata sfuggire questo capolavoro.
Gli otto brani senza nessuna eccezione raccontano un percorso di stili e generi che dialogano non solo attraverso le ritmiche variate o attraverso il livello di intensità che si vuol dare a voce e strumenti, ma anche grazie al continuo susseguirsi di cambi e sperimentazioni di violini, cello, sassofoni e trombe. E devo dire che il risultato è ottimo, rasenta la perfezione, negli stacchi, nei vuoti, sulle chitarre ma soprattutto nella linea vocale che mai risulta banale e ripetitiva come spesso si sente nel black metal. Sarà forse quel tocco melodico che si riscontra in tutti i brani a dare corpo al tutto senza renderlo banale. Coscientemente tutti i pezzi del puzzle sono al posto giusto.
Da sottolineare la sessione ritmica a cura di Uruz, perfetto…
Gran bel disco, studiato nei particolari e nei minimi dettagli, purtroppo pregio e dote che al giorno d’oggi i più trascurano cercando di accelerare l’uscita di lavori che tediano le orecchie, sui quali basta semplicemente lavorare di più. “Livsgnist” è l’esempio perfetto di come va gestito un prodotto musicale complesso, sia nella fase di composizione che in quella di registrazione, editing e missaggio.

Track by Track
  1. Suicide-Syndrome 90
  2. One Last Night 90
  3. Perfect 95
  4. Suffer In Silence 85
  5. My Precious 90
  6. Livsgnist 95
  7. New Life - New Beginning 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 95
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 95
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
90

 

Recensione di Mad Curtis » pubblicata il --. Articolo letto 354 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.