Over Dead In Over «Resolution Formula» (2011)

Over Dead In Over «Resolution Formula» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
988

 

Band:
Over Dead In Over
[MetalWave] Invia una email a Over Dead In Over [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Over Dead In Over

 

Titolo:
Resolution Formula

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano Mencarelli :: Vocals
Luca Giacchetti :: Guitar
Mauro Bonfiglio :: Guitar
Alessio Carinaldesi :: Bass
Diego Marinangeli :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
53' 53"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Prima di parlare di “Resolution Formula” vorrei esprimere il mio sentito giudizio circa molte band italiane che non hanno davvero più nulla da invidiare a quelle provenienti da Nord-Europa e Stati Uniti; ormai il nostro paese riesce a sfornare talenti incredibili per quanto riguarda l’Heavy Metal, coadiuvati dalla collaborazione di fonici e studi di registrazione più che professionali che fanno del loro meglio in ogni ambito che questo comporta. Non solo, ormai il sempre più fiorente contributo di fotografi, artisti, grafici e disegnatori sta dando man forte per la realizzazione di prodotti musicali dall’enorme valore.
Tutto questo e ancora di più è presente in un disco che non esito a definire un mero capolavoro, “Resolution Formula” degli ODIO (Over Dead In Over) già noti nella nostra webzine per essere stati recensiti diversi anni fa, ai tempi del promo “My Almightness My Weakness” 2006, anno importante e negativo assieme per la band di Senigallia, anno che portò allo scioglimento del progetto ma che presto risorse dalle proprie ceneri, proprio come una fenice, per portarci ancora più nel profondo quanto a ingegno e tecnica musicale. Per fortuna esistono ancora e la ferrea volontà dei membri e per l’aver trovato, si spera, una piena stabilità nella formazione!
Fui proprio io a recensire il precedente lavoro autoprodotto e rimasi esterrefatto dal sound che generavano ai tempi e devo proprio ammettere che, ancora una volta, non solo non mi hanno deluso quanto a proposta ma mi hanno incredibilmente entusiasmato.
La tecnica e la maturità artistica hanno portato i nostri ad un songwriting che predilige il ritmo alla melodia (seppur questa, in piccole dosi è presente nel platter e lo “alleggerisce” dall’incessante muro di suono), potrei azzardare un Technical Deathcore -espressione che tanto piace ai fanatici- sapientemente mescolato con exempla Post-Thrash e ingressi Death Metal dell’ultima decade. Ricordano un po’ i Meshuggah quanto a riff ma senza mai rimandare a quest’ultimi direttamente quindi posso pensare che, tra gli ascolti preferiti della band, compare il noto gruppo svedese ma anche, probabilmente, Slayer, Death e sicuramente qualche altro mostro sacro della tecnica.
Non me la sento di menzionare influenze derivanti dal Progressive ma indubbia è la loro costante visione verso un genere di musica che evolve continuamente e che, minuto per minuto, ci trasporta in un’energia spaventosa e furiosa. Non ci sono riempitivi, nulla è lasciato al caso ma ogni tassello di questo mosaico è stato progettato per incastrarsi perfettamente e la ricchezza di particolari (anche contrastivi, la traccia ambient di “323” ce lo dimostra). Ogni brano genera potenza, rabbia e si guarda continuamente dal risultare banale. Tutto è perfetto in questo album: riff di chitarra da accordature molto gravi, stupende linee vocali sporchissime e furenti, drumming adatto, preciso e creativo e basso presente e di buona fattura, nonché qualche leggera intromissione elettronica per sfoltire leggermente la mole di violenza presente.
Vi starete chiedendo quale label ci sia dietro tutto questo. Ebbene…nessuna. Altra grossa questione dolorosa che fa parte del nostro paese, ma questa è un’altra storia.
Date più di un ascolto a questo disco, è un consiglio. Attualmente resta uno dei migliori album di metal estremo che il sottoscritto abbia ascoltato quest’anno.

Track by Track
  1. The Warm Of Redemption 90
  2. Rise From Demise 90
  3. Perceving Beyond 95
  4. 323 85
  5. Neglected By Heart 85
  6. The Ancient Side Of a Pure Mind 85
  7. Dead Salvation 95
  8. Grimed By Mercy 90
  9. Existence 95
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 100
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 100
Giudizio Finale
90

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 988 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.