Progress Of Inhumanity «Escalating Decay» (2011)

Progress Of Inhumanity «Escalating Decay» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
335

 

Band:
Progress Of Inhumanity
[MetalWave] Invia una email a Progress Of Inhumanity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Progress Of Inhumanity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Progress Of Inhumanity

 

Titolo:
Escalating Decay

 

Nazione:
Grecia

 

Formazione:
Patroklos :: vocals
Kostas :: guitars
Nick Prapas :: drums

 

Genere:

 

Durata:
27' 35"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I greci Progress Of Inhumanity sono un progetto parallelo di Nick Prapas, batterista che milita anche nella band Brutal Death Metal dei Vulnus e, in questa sede il nostro amico e soci hanno contribuito a porre un altro mattone nel muro del Grindcore.
Di originale non è che abbiano un granché, soprattutto per come sono arrangiati i 21 brani per la durata totale di 27 minuti (quindi immaginerete da soli la durata media di ciascun pezzo!) ma non vi crucciate troppo, sebbene i nostri non si siano inventati pressoché nulla hanno di certo, però, fatto le cose in grande ed hanno pubblicato un disco dalla produzione eccellente per della stilistica, per così dire, tecnica e minimale.
I POI sono avvezzi, un po’ come gli Anal Cunt ed altri, alla “scarnificazione” della line-up, riducendo il tutto al minimo indispensabile, forse per risultare ancora più espliciti e senza mezze misure. Di certo ci sono riusciti. Niente basso a tenerci compagnia ma chitarre taglienti e dai riff molto Punk, ritmi eccellenti, precisissimi e assassini del buon Prapas e naturalmente urli e strepitii disumani e agghiaccianti.
Storia vista e sentita decine di volte, mi sta bene, ma vi invito ugualmente a dare un ascolto a “Escalating Decay” che annovero tra i dischi più veloci ed espliciti di fine 2011.
Non saranno certo i poderosi e numerosissimi blast-beat a incantare l’ascoltatore ma il tutto viene svolto secondo un rigoroso ordine mentale che rende i numerosi brani estremamente lavorati, seppur composti da due soli strumenti più le voci. Le composizioni dei nostri prendono in prestito pattern già seguiti ma un minimo di personalità e voglia di sperimentare coesistono naturalmente e gettano basi per il futuro. L’ultima e più lunga traccia, “Intent To Distribute” possiede un rilevante contrasto con la furia incontrata fino a quel punto del disco, infatti termina, quasi inspiegabilmente, con un ambiguo ma ben progettato tappeto elettronico.
I pezzi appaiono tutti logicamente da tempi estremamente veloci e per nulla impreziositi da inutili e gingillanti fraseggi; ogni elemento svolge la sua funzione primaria e la band, ogni tanto si evolve in rallentamenti dal sapore fangoso per poi tornare alla devastazione di prima.
Da buona scuola Grind, anche gli aficionados non potranno che apprezzare, gli ingenti richiami alla scena e la voglia di metter su qualcosa che ha un suo valore. Non starò certo qui a scrivere le decine di gruppi cui i POI fanno riferimento perché sarebbe inutile ma vi basti pensare che come lavoro vale.

Track by Track
  1. Uncertain Future 75
  2. Modern Opportunist 70
  3. Predetermined Path 70
  4. Institutions Of Deceit 70
  5. Scene Critics 70
  6. Well Turned Citizen 75
  7. Legal Punishment 70
  8. Emo Disposer 75
  9. Seat Is Taken 75
  10. Victims Of Injustice 70
  11. Class Swine 70
  12. Faceless 65
  13. Simplicity 60
  14. Suits And Ties 70
  15. Under Concrete Walls 65
  16. Preaching Deception 60
  17. Tit For Tat 75
  18. Greedy Ruthless Nation 70
  19. Inside Change 75
  20. Zero Achievement 75
  21. Intent To Distribute 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
70

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 335 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.