Azathoth «Demo 2004» (2004)

Azathoth «Demo 2004» | MetalWave.it Recensioni Autore:
BurdeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
703

 

Band:
Azathoth
[MetalWave] Invia una email a Azathoth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Azathoth [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Azathoth

 

Titolo:
Demo 2004

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Serafin Tommaso: chitarra
Follega Emanuele: basso e voce
Longhin Marco: chitarra
Stevan Omar: batteria

 

Genere:

 

Durata:
20' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo una dura gavetta inizia nel '96 giungono al tanto agoniato debutto nell'uderground anche gli Azathoth, che tanto per mettere immediatamente in chiaro subito le cose ci propongono un heavy metal dalle sfumature estreme, soprattutto per quel concerne le ritmiche di chitarra, totalmente Thrash/Death nei mid tempos quanto intelligemente classiche nei solos, a dir la verità molto eleganti e ben strutturati.
Nei solchi di Hell On Earth e Cannibal Era è riscontrabile una sincera voglia di ricercare un proprio stile personale e be ricoscibile, fatto di riffs adrenalinici e pieni di groove, anche se in alcuni frangenti ancora troppo legati a certi stilemi del genere, soprattutto di scuola americana fine anni '80 inizi '90, ma sono angoli che andranno smussandosi con lo scorrere del tempo...
Credo sia opportuno spendere anche due paroline per la title track, che sin dalle prime battute mostra la strada per un genuino scapocciamento, per ultimo permettetemi di spendere un commento nei confronti del singer, forse un tantino monotono, non che non sappia gestire le proprie qualità vocali, ma credo sia opportuno ricercare soluzioni più varie e meno statiche.
Si conclude il tutto con una bella cover, "molto metal" nelle intenzioni, proprio quelle che gli Azathoth sembrano voler portare a compimento, la strada è ancora lunga, ma le idee ci sono, basta canalizzarle in uno stile più personale e originale, le lugubri atmosfere iniziali di The Beast That Lives In Me potrebbero rivelarsi molto interessanti...
Comunque in conclusione, un buon debutto, avanti così!

Track by Track
  1. ...Fill All the Seas 60
  2. Hell On Earth 65
  3. Cannibal Era 70
  4. Azathoth 60
  5. The Beast That Lives in Me 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
62

 

Recensione di BurdeN » pubblicata il --. Articolo letto 703 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.