Zombified «Backroom Eugenics» (2011)

Zombified «Backroom Eugenics» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
389

 

Band:
Zombified
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zombified [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zombified [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Zombified

 

Titolo:
Backroom Eugenics

 

Nazione:
Inghilterra

 

Formazione:
Pete Clarke - vocals
Jamie McClenaghen - guitars
Adrien Crozet - guitars
Wilbo Slice - bass
Gary Beattie - drums

 

Genere:

 

Durata:
15' 28"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Cosa vi aspettate da un gruppo che si chiama Zombified? Che suoni gothic metal con inserti jazz? Sarebbe curioso, ma ovviamente non è così! Siamo in un periodo in cui la banalità suona meglio di ogni altra variabile, perciò i nostri inglesi suonano semplice e brumoso death metal come si faceva in America a cavallo tra la fine degli anni 80 e i primissimi anni 90. Non manca qualche divagazione più svedese, reperibile principalmente in qualche tremolo picking furioso, anche se direi che il gruppo a cui è più facile accostarli sono senz'altro i (mitici, un culto!) Broken Hope e il loro debutto “Swamped In Gore”; i Zombified suonano un po' più moderno, non fosse che per la produzione sonora e per certe affiliazioni ad un gore meno seminale e più rodato. Comunque, banalità varie a parte, che in un genere come il death metal non possono mancare, non è un brutto sentire; superata con nonchalance l'introduzione parlata (mentre il gruppo sotto suona, un vero abominio...), si entra in un mondo di violenze e rigurgiti che ha forza e non annoia, anche grazie alla durata mai troppo estesa delle singole tracce (in fin dei conti, un EP di un quarto d'ora). In mezzo naturalmente richiami ai riprovevoli metodi dei Carcass di trattare le vocals e qualche sparata che ci porta alla mente il ripugnante “Reek Of Putrefaction”. Spesso godibile, talvolta persino rinfrancante, solo raramente esaltante.

Track by Track
  1. An Introduction To The Human Disgrace 60
  2. Limb After Limb 70
  3. The Forgotten Art Of Strangulation 65
  4. Human Cull 70
  5. The Insidious Tragedy 70
  6. Murder Serpent 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 50
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
66

 

Recensione di June » pubblicata il --. Articolo letto 389 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.