Cayne «Addicted» (2011)

Cayne «Addicted» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1122

 

Band:
Cayne
[MetalWave] Invia una email a Cayne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Cayne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Cayne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Cayne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Cayne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Cayne [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Cayne

 

Titolo:
Addicted

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Claudio Leo - Guitar
Marco Barusso - Guitar
Giordano Adornato - Voice
Giovanni Lanfranchi - Violin & Keys
Guido Carli - Drums
Andrea Bacchio - Bass

 

Genere:

 

Durata:
18' 57"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nonostante tutte le riviste ne parlino bene di questi Lacuna Coil, secondo me sono solo tendenza pompata da video e denaro di etichette note; ho avuto anche occasione di vederli dal vivo e l'unica cosa che ricordo con piacere erano i cori dei metallari indignati da quel metal pop pretenzioso con un po' di doppia cassa e tanta elettronica.
I Cayne sono la band di Claudio Leo e Raffaele Zagaria fondatori degli appena citati Lacuna Coil (nella metà degli anni 90) con i quali, in vero “italian conoscenza style”, saranno in tour quest'autunno.
Infatti questo EP vive nell'ottica di piacere a tutti, tranne a chi generalmente ascolta heavy metal; i quattro brani proposti, dei quali uno in veste live (non lo si direbbe, per quanto è patinato), sono una miscela di hard rock eseguito con cupe chitarre inoffensive e tanto tanto dark pop, non lontano (proprio li a fianco) da quello che anni fa si chiamava love metal. E qua siamo.
Forse per mascherare le intenzioni sfacciatamente commerciali, qui e li esagerano (si fa per dire) di doppia cassa e, manco a dirlo, ritmiche sincopate; un po' di growl ed ecco confezionato il metal per adolescenti.
Lo so che parlo come un defender (un fuoristrada?) di quarant'anni, ma non posso esimermi dal dire quello che penso, perché nell'arco di meno di venti minuti vengono snocciolati tutti gli stereotipi facilmente accessibili del nostro genere preferito, con tanto di stacchi di violino, per creare un disco giovanile di facile ascolto, assimilabile anche dai più distratti. Che cosa ce ne facciamo? Io spengo.

Track by Track
  1. My Damnation 55
  2. Addicted 50
  3. Togheter As One 45
  4. In My Eyes Return 50
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 45
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
55

 

Recensione di June » pubblicata il --. Articolo letto 1122 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.