Epysode «Obsessions» (2011)

Epysode ŤObsessionsť | MetalWave.it Recensioni Autore:
Dust »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
546

 

Band:
Epysode
[MetalWave] Invia una email a Epysode [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Epysode

 

Titolo:
Obsessions

 

Nazione:
Belgio

 

Formazione:
Kelly Sundown, Oddleif Stensland, Magali Luyten, Rick Altzi, Liselotte "Lilo" Hegt - Vocals
Samuel Arkan - Guitars
Christophe Godin - Guitar Solos
Kristoffer Gildenlöw - Bass
Julien Spreutels - Keyboards
Léo Margarit - Drums

 

Genere:

 

Durata:
1h 8' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il nuovo progetto di Samule Arkan che prende il nome di Epysode porta alla luce ''Obsessions'', lavoro che racchiude in se una gran moltitudine di musicisti estremamente affermati nel panorama metal internazionale con componenti di spicco di Pain Of Salvation, Ethernity e molti altri; alle varie parti vocali anche qui c'è da fare un lungo elenco di singer la cui notorietà non può passare di certo inosservata come Ayeron, Communic e At Vance. Il risultato che esce da questo mix di personalità e panorami è un Metal estremamente melodico con punte di Prog in stile Ayreon ed Avantasia tanto per citarne alcuni, ma la lista potrebbe essere molto più lunga vista la grande quantità di idee e spunti che possiamo cogliere in questo lavoro come l'ottimo riffing carico di groove e voci più o meno melodiche e certe volte graffianti.
Dopo questa doverosa introduzione che si rende necessaria per dare una idea della caratura del disco, bisogna dare una descrizione del concept che sta dietro questo lavoro: si tratta infatti di un “thriller soprannaturale”, si basa sulle investigazioni di un giovane poliziotto su degli omicidi misteriosi, che lo porteranno ad entrare in contatto con degli eventi soprannaturali. Ogni cantante interpreta un personaggio della storia, rendendolo più interessante e dinamico, anche se l’ascolto di Obsessions non è per nulla semplice. Tralasciando le verie idee che il pubblico potrà farsi su questo filo conduttore che io ad ogni modo reputo geniale, i vari pezzi sono tutti di matrice estremamente melodica con tastiere bene evidenziate e voci molto corali anche accompagnate da voci bianche. Tutti questi elementi sono talmente enfatizzare da saturare veramente il sound con sonorità totalmente maggiori ed aperte che rischiano di stancare tutti quelli che non sono grandi amanti del genere.
Per il resto il lavoro è veramente perfetto dal punto di vista della produzione che riesce a valorizzare a pieno l'ottimo riffing di chitarre che riescono sempre ad emergere chiare e potenti in questo tappeto melodico estremamente compatto, spezzando l'ascolto e aggiungendo qualcosa in più ai contenuti di groove; tutte le sezioni lead di chitarra fanno emergere il talento di Samule Arkan senza mai strafare in nessun caso.
Complessivamente è di sicuro un lavoro molto interessante ampiamente promosso e consigliato; tutti gli ascoltatori di Metal più ricercato e melodico, sicuramente apprezzeranno.

Track by Track
  1. File 41807 70
  2. Silences Of Dawn (Poetry) 80
  3. First Blood 85
  4. Obsessions 80
  5. Invisible Nations 80
  6. Gemeni Syndrom 75
  7. Fallen's Portrait 85
  8. Seasons Of Redemption 80
  9. The Other Side 80
  10. Shadow Lord 85
  11. One Chance 85
  12. Divine Whispers 75
  13. March Of The Ghosts 70
  14. Last Sunset 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Dust » pubblicata il --. Articolo letto 546 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.