Rock Brigade «Rock Brigade» (2011)

Rock Brigade «Rock Brigade» | MetalWave.it Recensioni Autore:
fabio HC »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
657

 

Band:
Rock Brigade
[MetalWave] Invia una email a Rock Brigade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rock Brigade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Rock Brigade

 

Titolo:
Rock Brigade

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Matteo Lenticchia - voce, chitarra
Marco Marchetti - chitarra, cori
Daniele Fraolini - chitarra,cori
Alessio Tomassi - basso
Gionata Santucci - batteria

 

Genere:

 

Durata:
41' 11"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

"Il loro genere è una commistione tra vari tipi di metal e hard rock con un suono ponderoso e massivo dovuto all’incontro/scontro delle tre chitarre che si rincorrono senza mai raggiungersi, feroci e mai in affanno, blandite e sferzate dalla voce di Matteo". Questa è forse la definizione più azzeccata per descrivere i baldi giovani di Todi, contenuta nella loro ufficiale biografia. Ma per me, oltre a questo, i Rock Brigade esprimono altro, anche nei testi e nella voglia di spaccare il mondo col loro fare aggressivo e fottutamente rock'n hardcore. Tirate metal velocissime sferzano l'ambiente, soprattutto nelle tracce prettamente cantate in inglese. Si perchè nei testi in italiano, ma soprattutto nella prima "30 Aprile", la qualità sonora scende, e l'effetto del gruppo perde minacciosamente. Ma a tenere salda la stabilità della formazione ci pensano le restanti quattro tracce, ricche di atmosfere create dalle micidiali tre chitarre e dalle pelli costantemente sotto pressione. Esempio ne è "So Far Away From Here", incisiva, cattiva e melodiosa allo stesso tempo. Cazzo, il solo mette i brividi in certi momenti, e fa dimenticare la tua (è soggetiva la cosa) voglia di buttare i cd che si perdono troppo sullo strumentale. "Keep Runnin'" sembra essere il pezzo più articolato del lavoro, molto potente nella sua fase dopo-inizio, ma spaccapalle nella sua parte non cantata, per via della troppa precisione e voglia di esagerare con le chitarre. Troppo davvero, anche se un amante di queste cose mi tirerebbe dietro i bei dischi grezzi che io adoro. Comunque sia anche questo pezzo necessita della mia approvazione, perchè dopo la tiritera a me poco congeniale, si riprende quel filo di melodia e potenza aggressiva che caratterizza il dopo-inizio di cui parlavo. Ma il gruppo cambia attitudine quando si giunge all'ultimo brano "Incontri Ravvicinati Del Terzo Tipo"; gran testo quasi demenziale, cantato con divertimento e malizia, il quale fa intendere la voglia e la diversificazione di questi cinque ragazzi nel mondo del rock/metal. Per il gruppo spero in un futuro buono e molto simile a questo disco, anche se preferirei più attitudine diretta e meno fronzoli in certi pezzi. Soprattutto nei testi in madrelingua.

Track by Track
  1. 30 Aprile 60
  2. So Far Away From Here 80
  3. Keep Runnin' 80
  4. Tentare Di Bruciare 65
  5. The Power Of The World 75
  6. Time To Rise 70
  7. Incontri Ravvicinati Del Terzo Tipo 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di fabio HC » pubblicata il --. Articolo letto 657 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.