Rising Dark «Apocalyptic» (2011)

Rising Dark «Apocalyptic» | MetalWave.it Recensioni Autore:
fabio HC »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1000

 

Band:
Rising Dark
[MetalWave] Invia una email a Rising Dark [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rising Dark [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Rising Dark

 

Titolo:
Apocalyptic

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Michael Crimson - voce, chitarra
Stanley Bleese - chitarra
Freddy Blade - voce, basso
Balzael - batteria

 

Genere:

 

Durata:
41' 31"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quando i thrasher ci si mettono, italiani per giunta, riescono ad impersonificare magistralmente la musica in tutte le sue sfaccettature. Questa band ravennate nata nel 2007 ha già dato vita ad un demo e a due album studio, senza perdere di fatto la propria creatività. Quest'ultimo cd, nato sotto SG records (nota etichetta indipendente che spalleggia ottime formazioni), presenta unicamente sette tracce, ognuna delle quali ricca di potenza e melodia stilistica. Devo dire che il gruppo -ma soprattutto la voce- ricorda moltissimo lo stile dei Testament, anche se l’originalità in questo caso non è completamente persa. Dopo un intro “mansoniano” e poco attinente al lavoro, parte il vero primo brano del disco, “Armageddon”; questo mostra al nostro intelletto un’ottima attitudine sonora, veloce al punto giusto, spaccaossa sotto palco, e melodica nel solo. Perfetta direi. Unica pecca è forse la lunghezza. Poco thrasher. “The Bofoid”, quarta traccia della fatica, si presenta più lenta, e stacca un po' dai classici blast beats del thrash. Sfodera inoltre uno screaming ed un growling molto cazzuti. Anche questa è però lunghissima, complice forse il solo e l’outro. “Yog Sothoth” è il pezzo peggio riuscito. Con il suo pig mezzo filtrato e lo strumentale obrobrioso rende il brano poco attinente al resto del lavoro. Ma con la penultima traccia “Your Blood Is On My hands”, il sound si riprende egregiamente, dando spazio all’outro del disco dolce ed arpeggiato. Sono rimasto soddisfatto dai ragazzi di Ravenna e spero continuino sulla strada intrapresa, dimenticando quei piccoli (a mio parere) orrori in alcuni brani. Stay Thrash!

Track by Track
  1. Apocalyptic 55
  2. Armageddon 70
  3. This Is War 70
  4. The Bofoid 70
  5. Yog Sothoth 60
  6. Your Blood Is My Hands 75
  7. Phoenix 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
69

 

Recensione di fabio HC » pubblicata il --. Articolo letto 1000 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.