Daedalus «Motherland» (2011)

Daedalus «Motherland» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Monikuez »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
858

 

Band:
Daedalus
[MetalWave] Invia una email a Daedalus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Daedalus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Daedalus [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Daedalus

 

Titolo:
Motherland

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Davide Merletto - voce
Andrea Torretta - chitarra
Fabio Gremo - basso
Sandro Amadei - tastiere
Daz La Rosa - batteria

 

Genere:

 

Durata:
42' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Daedalus sono una band progressive metal di Genova che trae ispirazione da diversi generi musicali e band come Queen, Arena, Dream Theater, Iron Maiden e Rush, cercando comunque di definire uno stile ed un suond propri. I Daedalus infatti ci propongono un progressive metal tecnico, ma allo stesso tempo catchy già dal primo ascolto. Spesso il progressive viene additato come il genere impegnato, di difficile ascolto; in realtà il sound dei Daedalus sbugiarda questa constatazione. Dopo alcuni cambi di formazione nel corso degli anni, attualmente i Daedalus sono formati da Davide Merletto (voce), Andrea Torretta (chitarra), Fabio Gremo (basso), Sandro Amadei (tastiere), Daz La Rosa (batteria).
"Motherland", è il loro terzo album che contiene 11 brani carichi che vedono in qualità di ospiti Roland Grapow (Helloween, Masterplan) che si è anche occupato del mix dell'album; Trevor (Sadist) ed Elisa Montaldo (Il Tempio delle Clessidre, Museo Rosenbach). La produzione di “Motherland” è stata particolarmente curata, l'album è fresco, potente e accattivante ben curato sia nei testi che nella parte compositiva. Le influenze power metal di Helloween, e progressive dei Dream Theater sono molto marcate, ma nel complesso i Daedalus hanno fatto un bel lavoro, da acquistare se siete amanti del genere prog metal.

Track by Track
  1. What A Challenging World 80
  2. Your Lies 85
  3. Until You're Here 80
  4. Perspective Of The Moon 85
  5. For Aye 80
  6. Motherland 85
  7. Sand 80
  8. Weather The Storm 80
  9. Underground 85
  10. A Tale 80
  11. Empty Rooms 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Monikuez » pubblicata il --. Articolo letto 858 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.