Simone Piva & I Viola Velluto «Ci Vuole Fegato Per Vivere» (2011)

Simone Piva & I Viola Velluto «Ci Vuole Fegato Per Vivere» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Desaparecido »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
898

 

Band:
Simone Piva & I Viola Velluto
[MetalWave] Invia una email a Simone Piva & I Viola Velluto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Simone Piva & I Viola Velluto

 

Titolo:
Ci Vuole Fegato Per Vivere

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Simone Piva - chitarra, voce
Christian De Franceschi - basso, cori
Omar Della Morte - batteria

 

Genere:

 

Durata:
32' 4"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Simone Piva & I Viola Velluto è un gruppo di baldi giovani di Gemona del Friuli che nel Gennaio 2011 hanno pubblicato il loro primo cd "Ci Vuole Fegato Per Vivere", un validissimo esordio per il gruppo rock italiano. Il disco, dal punto di vista tecnico, è veramente ben strutturato: in primis, dal mio essere bassista, non ho potuto non essere contento dei giri fluidi, non eccessivamente complessi, ma estremamente musicali ed azzeccati di Christian. Un altro punto a loro favore è stato lo scrivere i testi completamente in italiano, una scelta abbastanza coraggiosa che però preclude la possibilità di avere un'ampia diffusione del cd anche all'estero, cosa a mio parere fondamentale per un gruppo emergente. Tralasciando quest'ultimo "dettaglio", Simone Piva & I Viola Velluto per tutte e dieci le tracce del disco fanno un rock coinvolgente, appassionante ed orecchiabile che, nel mio caso, me lo ha fatto riascoltare sia per intero che per le singole canzoni ben più di un paio di volte. Il cd si apre con "Quo Vadis Baby?", caratterizzata da uno dei giri di basso descritti poche righe fa, uno dei ritornelli più belli di tutto il disco ed un testo reso benissimo con la voce graffiante di Simone; a seguire c'è "Italia Far West" una critica (ben poco) velata alla situazione attuale del nostro paese, con un ritmo che non ha nulla da invidiare alle colonne sonore dei film di Clint Eastwood. La terza canzone è stata quella che mi ha colpito di più: "Souvenirs", infatti ha praticamente tutto ciò che serve per essere ricordata a lungo, a partire dalla base musicale accattivante praticamente perfetta, fino ad arrivare al testo, poetico e squisitamente unito con la melodia, che rende praticamente immediato e spontaneo il cantare con il disco. Le altre canzoni si susseguono in maniera piacevole, fino ad arrivare a "Brucia... Gemona, Brucia!", l'unica canzone "lenta" del disco, con la collaborazione di Lucia Clonfero al violino, dedicata al luogo in cui si è formato il gruppo, che conclude il lavoro con "Guarisci La Tua Vita", simpatica fine per un cd che dovrebbe essere conosciuto ed apprezzato dagli ascoltatori del rock italiano, ben più valido di diversi prodotti che circolano attualmente. L'unica cosa da fare è un chiaro invito a continuare su questa strada, senza esitazioni.

Track by Track
  1. Quo Vadis Baby? 80
  2. Italia Far West 70
  3. Souvenirs 90
  4. La Moda 80
  5. Nuovo Mondo 70
  6. Più Vivi Che Mai 75
  7. Vivere Meglio Con Me 80
  8. Il Mio Revolver 75
  9. Brucia...Gemona, Brucia! 80
  10. Guarisci La Tua Vita 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Desaparecido » pubblicata il --. Articolo letto 898 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.