Lucid Dream «Visions From Cosmos 11» (2011)

Lucid Dream «Visions From Cosmos 11» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
969

 

Band:
Lucid Dream
[MetalWave] Invia una email a Lucid Dream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Lucid Dream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Lucid Dream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Lucid Dream [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Lucid Dream

 

Titolo:
Visions From Cosmos 11

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Simone Terigi - guitars
Alessio Calandriello - vocals
Gianluca Eroico - bass
Paolo Raffo - drums

 

Genere:

 

Durata:
46' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

La band nasce alla fine del 2009 grazie a Simone Terigi (chitarrista), il quale desiderava dare il via a un progetto che gli permettesse di esprimere la sua esperienza e passione per la musica. A unirsi all'idea di Simone arrivano Gianluca Eroico (bassista), Paolo Raffo (batteria) e Alessio Calandriello (voce). In poco tempo, il quartetto registra “Visions from Cosmos 11” , un album che pone le sue radici nell’hard rock progressive e nel sound anni ’80. L'intento della band è chiaro: riuscire a integrare in modo efficace elementi quali tecnica, melodia, energia e armonia.
L'album si apre con "Holy Rage" e "Cosmos 11", due pezzi decisamente old style che racchiudono in sé una buona dose di energia hard rock. In entrambe le songs si notano le capacità vocali di Alessio. "Fallin'" è interamente strumentale, quasi fosse il preludio di "In The Moment", brano con un sound alquanto accattivante, veloce e deciso, completo in ogni sua parte: dalla melodia al testo. Bello davvero. Un momento di calma lo troviamo con "Nightfeel", brevissima traccia nella quale la chitarra e un sottofondo di grilli (avete letto bene!) creano una melodia unica e piacevole, molto malinconica. Con "Get Up" e "Underground" si torna all'hard rock: entrambe le canzoni possiedono una melodia potente e risultano apprezzabili sebbene simili nel complesso. "Sun And Sun" è un pezzo strumentale, tranquillo e piacevole con tratti alla Pink Floyd. In "Through The Years" emergono alcune sfumature un po' più dark, soprattutto verso la seconda metà del pezzo in cui la parte vocale è assente.
"Visions From Cosmos 11" è un buon lavoro e, sebbene non mi piaccia etichettare quello che ascolto, ritengo ricalchi chiaramente le orme “hard rock” già tracciate nel passato. In questo senso, i Lucid Dream ci fanno fare un salto indietro negli anni '80, mantenendo comunque integra la loro originalità in quanto professionisti dotati di un notevole talento. "In The Moment" e "Through The Years" sono delle vere chicche, stupende nella loro complessità, nonostante ciò ci siano state delle tracce che non mi hanno completamente convinta. Non nascondo che, in alcuni momenti mi sembrava di avere già sentito la melodia in questione. Nel complesso questo album è piacevole e verrà sicuramente apprezzato da coloro che amano il genere.

Track by Track
  1. Holy Rage 75
  2. Cosmos 11 70
  3. Fallin' 70
  4. In The Moment 85
  5. Nightfeel 75
  6. Get Up 70
  7. Underground 70
  8. Sun And Sun 70
  9. Through The Years 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
75

 

Recensione di reira » pubblicata il --. Articolo letto 969 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.