Barnumfreakshow «Circuiti | Carne | Metallo» (2010)

Barnumfreakshow «Circuiti | Carne | Metallo» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Desaparecido »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1336

 

Band:
Barnumfreakshow
[MetalWave] Invia una email a Barnumfreakshow [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Barnumfreakshow [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Barnumfreakshow [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Barnumfreakshow

 

Titolo:
Circuiti | Carne | Metallo

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Enrico H. Di Lorenzo - voce
Gabriele Penazzi - basso
Emma Luce Scali - synths, sequencer, voce
Francesco Struglia - batteria
Stefano Tucci - chitarra, e-bow, programming, synth

 

Genere:

 

Durata:
17' 58"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ed ecco che dal niente, nel 2005 spunta un nuovo gruppo industrial/metal a Roma, i Barnumfreakshow che, dopo vari cambi di line-up, nel 2010 hanno cominciato le registrazioni del loro primo full lenght di 9 tracce: “Circuiti | Carne | Metallo”. Il titolo è altisonante ma non potrebbe essere più giusto: infatti dopo aver ascoltato il demo di quattro tracce, ci si sente trasportati in un mondo alternativo fatto, appunto, di circuiti, umanità (poca) e metallo in quantità, accompagnati da melodie veramente ben costruite, in cui ogni strumento è inserito magistralmente nel proprio ruolo, e da testi dall’argomento squisitamente futuristico. La chitarra ed il basso, quando non si distinguono in ruoli solisti, sono intrecciati abilmente con il sintetizzatore che, in più punti, fornisce quegli effetti ambientali che rendono ancor più realista l’esperienza futurista, mentre la batteria scandisce i tempi con precisione millimetrica, tra pause e ritmiche tutt’altro che semplici.
Il cd si apre con “Terror Manifesto Atto I” che comincia con un'intro melodica che fa da ingresso verso tutto ciò che riserverà il dischetto nelle tracce successive: basso e sintetizzatore, infatti, creano l’atmosfera cupa e carica di tensione, in cui la voce (spesso effettata) di Enrico Di Lorenzo si muove senza problema, declamando ed urlando i testi rigorosamente in italiano. In “Fuori Produzione” è la batteria ad avere un ruolo più rilevante, in particolar modo all’inizio e durante i chorus, reggendo senza problemi riprese improvvise e gli assoli di Stefano Tucci senza risultare troppo invadente. Ciò che era rimasto incompiuto in “Terror Manifesto Atto I”, trova una parziale via di completamento nel secondo atto ma la vera sorpresa è stata “Gravità Zero”, in cui è Emma Scali a cantare, accompagnata da Enrico, dando vita ad un vero e proprio duetto, senza che questo influisca sulla qualità degli interventi al sintetizzatore. Un demo veramente promettente per i Barnumfreakshow, sorprendenti in più punti e validissimi su tutti i livelli. Si aspetta però l’album completo che, secondo le informazioni riportate sul sito, dovrebbe essere pronto a breve per ascoltare del sano industrial in e all’italiana.

Track by Track
  1. Terror Manifesto Atto I 80
  2. Fuori Produzione 85
  3. Terror Manifesto Atto II 80
  4. Gravità Zero 90
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Desaparecido » pubblicata il --. Articolo letto 1336 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports