Kalevala H.M.S. «Musicanti Di Brema» (2011)

Kalevala H.m.s. «Musicanti Di Brema» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1249

 

Band:
Kalevala H.M.S.
[MetalWave] Invia una email a Kalevala H.M.S. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Kalevala H.M.S. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Kalevala H.M.S.

 

Titolo:
Musicanti Di Brema

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Daniele Zoncheddu - Guitar, Choirs
Simone Casula - Vocals
Emiliano Occhi - Bass
Dario Caradente - Flute, Whistle
Arjuna Iacci - Accordion, Mandolin, Percussion
Tommy Celletti - Drums

 

Genere:

 

Durata:
45' 39"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Kalevala si formano nel 1995 grazie alla passione condivisa dai musicisti per il rock e per la musica antica (medioevale, folk celtico, etnica o tribale). Nel 1998 registrano "Fall", una demo contenente quattro brani e iniziano una collaborazione, successivamente interrotta, con Elenoi Jones. Nel 2003 arriva il turno di "Worlds End Inn" (con la collaborazione di Edera dei Domina Noctis). Nonostante la line up iniziale sia rimasta invariata, nel corso degli anni molti artisti hanno collaborato con i Kalevala, da Michele Luppi (Vision Divine, Killing Touch) a Helder Stefanini (Raw Power, Ligabue) e Fausto Tinello (Wyvern), giusto per fare qualche nome. Tuttora la band vanta una lunga lista di artisti impegnati al loro fianco.
Faccio giusto una premessa: i Kalevala definiscono la loro musica come "hard rock con influenze celtiche", tuttavia credo sia impossibile inserirli in una vera e propria categoria, perché ritengo potrebbe risultare alquanto limitativo. La prima traccia dell'album è "Time Bandits", la quale mostra ci permette di cominciare ad avvicinarci alle piacevoli sonorità della band; "Building A Cromlech" è molto irish e, grazie a dei notevoli riff di chitarra, contiene in sé una buona dose di energia. Un discorso analogo lo si può fare per "Ride 'Em Cowbell" che, attraverso una melodia accattivante, fa apprezzare la bella voce di Simone; "Living Drome" è un pezzo molto heavy, al quale comunque non vengono a mancare gli elementi folk. "Ballo in FA Diesis Minore" è cantata in italiano e risulta essere molto atmosferica: fantastico l'intreccio tra sonorità folk e chitarre graffianti che permettono l'alternarsi da momenti energici a quelli più calmi. "Bouchons De Liege" ha uno stile quasi teatrale ed è interamente cantata in francese, ma i Kalevala non si dimenticano della loro vena metal nemmeno qui: tra fisarmonica e flauto, ecco che compare la chitarra la quale da una ventata di energia al tutto. "Weila Waila" inizia con tamburi e si trasforma in un pezzo terribilmente allegro, di quelli che ti viene voglia di ballare anche se non ne sei assolutamente capace; la vivacità del pezzo è tale che può rappresentare uno dei pezzi di apertura nelle sessioni live. "Necropolitan" e "Rigmarole" sono due brani molto heavy i quali vengono arricchiti dalla voce di Simone, potente ed emozionante. "Ten Ton Butterfly" è una traccia acustica che riconferma la capacità della band di intrecciare rock e folk. Arriviamo quindi alla conclusione dell'album con gli ultimi due brani: "Elbumin Vampire" e "Musicanti Di Brema". La prima è piuttosto accattivante, la seconda ha un testo (in italiano e in inglese) che risulta essere molto intenso.
Attraverso questo album i Kalevala hanno dimostrato talento e passione, oltre a una certa originalità, un gruppo collaudato da anni di live e di gavetta, senza dimenticare le preziose collaborazioni ottenute. "Musicanti Di Brema" è un lavoro maturo, nei testi e nella musica, atmosferico ed equilibrato; ogni singola traccia racchiude un elemento che la contraddistingue dalle altre, mantenendo comunque uno stile musicale ben preciso. Attraverso i dodici pezzi la band ci fa sorridere ("Weila Waila"), ci fa riflettere ("Musicanti Di Brema", "Ballo in FA Diesis Min") e ci fa sognare ("Building A Cromlech"). Il lavoro svolto dai Kalevala non ha bisogno di molte parole: è una vera perla, un capolavoro che consiglio un po' a tutti.

Track by Track
  1. Time Bandits 80
  2. Building A Cromlech 85
  3. Ride 'Em Cowbell 80
  4. Living Drome 80
  5. Ballo in FA Diesis Min 90
  6. Bouchons De Liege 85
  7. Weila Waila 85
  8. Necropolitan 85
  9. Rigmarole 80
  10. Ten Ton Butterfly 80
  11. Elbumin Vampire 80
  12. Musicanti Di Brema 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 95
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
84

 

Recensione di reira » pubblicata il --. Articolo letto 1249 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.