Claudio Signorile «A Song 4 Each Day» (2011)

Claudio Signorile ŤA Song 4 Each Dayť | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
403

 

Band:
Claudio Signorile
[MetalWave] Invia una email a Claudio Signorile [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Claudio Signorile [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Claudio Signorile

 

Titolo:
A Song 4 Each Day

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Claudio Signorile - bass
Antonello Cimpasso - piano (track 04)

 

Genere:

 

Durata:
26' 54"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2011

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Claudio Signorile può essere senza ombra dubbio uno di quei bassisti con la “B” maiuscola che ha impiegato tanto tempo, forze e costanza nella realizzazione di un progetto curato nei minimi dettagli, frutto di un lavoro certosino che non mancherà di ricompensarlo.
Tanto lavoro, da Gennaio 2007 allo scorso Dicembre 2010, per comporre, eseguire, mixare e rilasciare un Ep che non arriva nemmeno a mezzora di durata, ma dalle atmosfere più che buone. La formula è, tutto sommato, semplice ma efficace e detiene una certa dose di originalità nonostante tutto: “Una canzone per ogni giorno”, come i giorni della settimana sono sette, sette sono i brani che fanno parte del dischetto, ognuno è una finestra aperta verso un mondo fatto di note, di esperienze che toccano surreale, elettronico, sperimentazione, psichedelia e momenti interiori.
Il protagonista principale è chiaramente il basso, il quale, non senza enormi dosi di tecnica, detta legge in tutta la durata dell'Ep ora con frequenti richiami al funky ora no, ma quasi sempre contornato di un'aura melodica che sorregge tutto il resto come una colonna; persino la batteria non sarebbe troppo credibile, se il basso non si comportasse “musicalmente” in questo modo.
Slapping, tapping e buoni fraseggi molto veloci sono le tecniche preponderanti in ogni canzone e il suono in toto che ne esce è molto percussivo ed aiuta in frequenti passaggi anche altri ritmi. L'elettronica è usata ma non abusata e ogni cosa sembra essere al suo posto, dalla produzione all'esecuzione. Un lavoro buono che ha dato buoni frutti, ma l'unica pecca è la durata troppo breve dei singoli pezzi. Essendo già di per sé un disco non di facile approdo per la sua atipicità di strumento principale, due o tre minuti in più ad ogni brano non avrebbero guastato, ma restano mie personali opinioni. Per il momento posso dire che spero di ascoltare in futuro del nuovo materiale proveniente da questo talentuoso bassista.

Track by Track
  1. Inspiration 70
  2. Clenching 70
  3. Melodic Bass Solo 75
  4. Bora 70
  5. Interlude 65
  6. A Song 4 Each Day... 60
  7. Dark Rain 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
70

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 403 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.