Nameless Crime «Modus Operandi» (2010)

Nameless Crime «Modus Operandi» | MetalWave.it Recensioni Autore:
HeavyGabry »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1020

 

Band:
Nameless Crime
[MetalWave] Invia una email a Nameless Crime [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nameless Crime [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Nameless Crime

 

Titolo:
Modus Operandi

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Dario Guarino - Vocals
Maddalena Bellini - Guitars
Raffaele Lanzuise - Bass
Daniele Ciao - Drums
Dario Graziano - Keyboards

 

Genere:

 

Durata:
57' 38"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

"Modus Operandi", altrimenti leggibile come "dodici anni di attività e non sentirli", è il terzo lavoro in studio dell'ensemble campano che risponde al nome di Nameless Crime. O meglio, il peso dell'attività più che decennale si sente eccome, ma in tutt'altro senso rispetto a quello che generalmente s'intende. Le parole d'ordine di questo disco sono due: coraggio e qualità, una miscela vincente palpabile per quasi tutta la durata dei dieci brani di cui è composto "Modus Operandi". Il coraggio è quello di una band che non vuole imporsi limiti di alcun tipo pur restando entro dei paletti che non disorientano l'ascoltatore, ponendosi con un Thrash Metal modernissimo (stile Nevermore) alle fondamenta di tutto, che si unisce a soluzioni Progressive, Alternative ed altre più rare marcatamente "Core". Gli unici punti d'ombra del disco si possono riscontrare soltanto in quest'ultimo tipo di tentativi per fortuna ("Under The Bridge Of Sanity" ne è l'esempio più lampante), ma la band dimostra di saperne altrettanto trarre qualcosa di buono (vedasi l'ottima "Tested"), e per dirlo il sottoscritto che è totalmente avverso a questo tipo di sonorità, qualcosa significherà, fidatevi.
Inoltre, adottando una visione più ampia, non ci si può non rendere conto dei frutti che sta raccogliendo il gruppo, sia con la partecipazione al Metal Fest ungherese dello scorso anno, sia con l'interesse di grandi nomi come Andromeda e Roadrunner per la distribuzione del loro ultimo lavoro. Dimostrazioni palesi della qualità a cui siamo di fronte, una qualità attesa ben quattro anni dal precedente "Law And Persecution. Un'attesa che si può dire ampiamente ripagata quando si ascoltano "Unsigned" (da cui è stato tratto anche un video) o "Feedtime", o anche i fantastici inserimenti di organo blueseggiante di "Withdrawal" o della già citata "Tested". Scegliere un brano solo è arduo, e forse farlo significherebbe sminuire di parecchio il lavoro a trecentosessanta gradi che è dietro questa opera.
Però riducendo la durata complessiva del disco forse si sarebbe ottenuto un risultato ancora migliore e per il futuro posso solo consigliare ai Nameless Crime di continuare ad osare come fanno ora, cercando di resistere al canto delle sirene degli stilemi "Core" dove possibile.
Nel frattempo possono godersi il meritatissimo successo.

Track by Track
  1. Feedtime 75
  2. Withdrawal 80
  3. Unsigned 75
  4. Under The Bridge Of Sanity 60
  5. Sleepwalking 70
  6. Tested 75
  7. Seasons Of The Grey 70
  8. Akinesis 75
  9. Stains 75
  10. Snakes 'n' Ladders 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di HeavyGabry » pubblicata il --. Articolo letto 1020 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.