Inallsenses «Hysterical Psychosis» (2010)

Inallsenses «Hysterical Psychosis» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
872

 

Band:
Inallsenses
[MetalWave] Invia una email a Inallsenses [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Inallsenses [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Inallsenses [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Inallsenses

 

Titolo:
Hysterical Psychosis

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ruggero Formicola :: Vocals
Peppe Senese :: Guitar
Vittorio Casaburi :: Guitar
Lorenzo Picierno :: Bass
Bart D'arezzo :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
36' 31"

 

Formato:
Promo CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Per la serie “sì, è possibile migliorare se uno davvero ci si impegna!” ecco tornati i casertani Inallsenses. Il primo album -datato 2008- si intitolava “The Experience” e personalmente non lo trovai estremamente originale né mi aveva dato le impressioni di quest'ultimo loro lavoro.
Eccovelo qui in tutto il suo splendore “Hysterical Psychosis” che, tra le altre cose, è la prova tangibile che per cercare del metal estremo serio e suonato bene non bisogna necessariamente rivolgersi a band d'oltreoceano od originarie di chissà dove! Nel nostro bel paese, nonostante tanti problemi, possediamo band che non hanno nulla da invidiare a nessuno quanto a tecnica e ad inventiva!
Hysterical Psychosis nasce in modo perfetto, è suonato in modo precisissimo derivante da un lavoro naturalmente certosino e si sente. Francamente non saprei dire qual è la traccia che mi è piaciuta di più, forse “In The Gash”? Ma ci sono tantissime sfaccettature dentro questo gioiellino che vale davvero la pena di farselo proprio, e ovviamente questo la My Kingdom Music l'ha stanato per cui non se li è certo fatti scappare! Ma come avrebbe potuto? Ragazzi, qui c'è un campionario di idee rese realtà dalla bravura di un quintetto di professionisti che di certo non ha da invidiare a chicchessia.
Tecniche mostruose e riff intercambiabili, il tutto confezionato con uno stile sopraffino che non lascia respiro, un Death che non è sempre Death contrapposto da un Technical Thrash che non è sempre tale.
Migliorie enormi ci sono state anche dal punto di vista vocale e del songwriting in generale. I testi e le metriche sono perfetti così a mio avviso ed ogni ulteriore cambiamento avrebbe portato solamente il tutto verso una posizione finta.
E' imperativo che voi tutti ascoltiate almeno una volta Hysterical Psychosis, proprio per cultura personale. Dal canto mio a questo spunto li inizio a considerare come elementi di comparazione verso altri gruppi, tanto mi son piaciuti.

Track by Track
  1. Last Breath 75
  2. Red Line 80
  3. They Suck Your Soul 85
  4. Tommy's Grave 70
  5. Come Back To Hell 80
  6. Psycho Killer 80
  7. In The Gash 90
  8. Evil Time 85
  9. This World 85
  10. War And Death 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 95
Giudizio Finale
80

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 872 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.