Nemesis Inferi «Another Kind of Evil» (2009)

Nemesis Inferi «Another Kind Of Evil» | MetalWave.it Recensioni Autore:
fabio HC »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1026

 

Band:
Nemesis Inferi
[MetalWave] Invia una email a Nemesis Inferi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nemesis Inferi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nemesis Inferi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Nemesis Inferi

 

Titolo:
Another Kind of Evil

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Beppe Milani:: voce, chitarra
Riccardo Donghi:: basso
Pierpaolo Boninelli:: tastiere
Andrea salvi:: batteria
Fabio "Fazzy" Bergamelli:: chitarra

 

Genere:

 

Durata:
52' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Tornano a far parlare di sé i bergamaschi Nemesis Inferi, capeggiati dal cantante nonché chitarrista Beppe.
La formazione lombarda è oramai giunta alla sua quarta release, la quale non si scosta dai precedenti lavori e stupisce sempre più l'ascoltatore.

La miscela di black metal sinfonico e gothic funziona, conferisce all'album una luce fioca e tenebrosa, ma non disdegna certo il romanticismo proprio del genere; infatti qualche pezzo suona "romantico", con voci e soli melodiosi come in "Amon".
Il lavoro è introdotto molto bene con una potente "The Grave Song", una tirata di doppio pedale senza blast beats, veloce al punto giusto con i suoi repentini cambi di tempo.
Le chitarre svolgono un buon lavoro, distorte al punto tale che suonano alla "De Misteriis Dom Sathanas" dei Mayhem.
La parte che non accolgo con fervore nel full length è la voce del cantante, la quale appare molto statica e scarna come screaming, ma più allettante come growling.
Un grande elogio spetta sicuramente al tastierista Pierpaolo, grazie al quale l'album prende la sua piega migliore, e svolge nel frattempo la parte più massiccia unitamente alle frasi solistiche della chitarra.
Belle anche le parti vocali molto liriche, cantate spesso anche in italiano. E questo fattore a me piace molto.

ll tutto si svolge comunque in quattordici lunghe canzoni, create apposta per soddisfare anche le orecchie metallare più fini.
Un buon gruppo sulla nostra scena, che spalleggia un'altra formazione degna di considerazione come i Dark Lunacy!

Track by Track
  1. The Grave Song 70
  2. Raise the Stake 75
  3. Soul of Dying 75
  4. Waiting For My Funeral 70
  5. Amon 75
  6. Bloodland 2 S.V.
  7. Northern Heart 60
  8. L.I.T.E. S.V.
  9. Forsaken 75
  10. Another Kind of Evil 60
  11. Inferi Hymn 65
  12. Reborn of fire 70
  13. Bloodland 70
  14. Soul of Dying 07 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di fabio HC » pubblicata il --. Articolo letto 1026 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.