Secretpath «The Choice» (2010)

Secretpath «The Choice» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1000

 

Band:
Secretpath
[MetalWave] Invia una email a Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Secretpath [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Secretpath

 

Titolo:
The Choice

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Paolo Ferrante :: Vocals
Pierluigi Ammirata :: Guitar
Lisa Bilotti :: Bass
Francesco Borrelli :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
27' 13"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non tutte le ciambelle riescono col buco. Testimonianza in questo caso del quartetto di Cosenza “Secretpath”, formatosi nel 2008 dalla volontà del chitarrista Pierluigi Ammirata.
Il genere preciso, ahimè, è di difficilissima collocazione ma, anche volendo, non possiede i giusti requisiti per essere piazzato di fronte ad una scena appropriata; in altre parole non si capisce per niente cosa vogliano fare i quattro ragazzi: sperimentare è lecito ma accozzare in modo indistinto tutta una massa di influenze che vanno dal Death più middle-tempo al Black più disordinato, al Gothic più fuori luogo -e probabilmente qualcos'altro che mi è sfuggito- risulta essere il passo più lungo della gamba.
Tecnicamente i nostri, a mio avviso, non sono ancora pronti per proporre qualcosa che va a strizzare l'occhio verso lidi più d'elite ed avrebbero fatto meglio a volare un po' più in basso, specie nel primo episodio discografico (ivi recensito). La pecca maggiore? Perdono inesorabilmente di credibilità soprattutto guardando nel loro myspace un paio di canzoni live in cui la presenza scenica è pari pressochè allo zero.
Non rappresentano la noia in quanto ogni canzone è pervasa da molta dinamicità (forse troppa in effetti) anche se questa non è stata costruita a dovere e l'assenza di precisione negli assoli di chitarra (dal dubbio gusto), del drumming inopportuno per il sound generale, del basso assolutamente statico e anonimo e soprattutto del cantato in growl, in scream e in un inquietante pulito baritonale (in cui non si capiscono i versi del testo) non fanno altro che far venire dei seri dubbi sul materiale della band, se sia valido o meno. A mio parere potrebbe esser valido se fosse suonato in modo più preciso, prodotto meglio e soprattutto cantato bene.
Per ora assolutamente bocciati.

Track by Track
  1. The Path 45
  2. From The Woods Of Lilith 50
  3. Nunc Sunt Flores 50
  4. Still Darkness Of The Abyss 45
  5. I've Chosen 50
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 50
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 40
  • Tecnica: 50
Giudizio Finale
49

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1000 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.