Endovein «Waiting For Disaster» (2010)

Endovein «Waiting For Disaster» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1062

 

Band:
Endovein
[MetalWave] Invia una email a Endovein [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Endovein [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Endovein [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Endovein

 

Titolo:
Waiting For Disaster

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano :: Vocals
Paolo Cetani :: Guitar
Mirko Negrino :: Bass
Daniele Ilardi :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
35' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il pregio dei Torinesi Endovein che viene immediatamente fuori dopo almeno le prime due canzoni è che i nostri simpaticissimi thrashers possono davvero fare di tutto, ma proprio tutto ciò che salta fuori nelle loro menti da incredibili supercazzoni.
E’ davvero una piacevole esperienza poter ascoltare il loro materiale, dico sul serio, mi sono divertito come uno scemo, soprattutto ho riso come un cretino per il rutto finale (dotato anche di un poderoso eco!) che chiude semplicemente e altrettanto follemente tutti i trentacinque minuti di durata del folle viaggio intrapreso dai nostri, rutto che non passa inosservato come non passano inosservate le minchiate senza senso che i ragazzi sparano alla fine (probabilmente mentre si facevano qualche birra).
Dopo tutto ciò è davvero triste dover scrivere che nel 2010 proporre un disco Thrash Metal -con chiarissimi richiami a tutti quei gruppi che hanno fatto di tale genere un movimento culturale proprio di almeno due decadi fa- è una mossa coraggiosissima che richiama sì centinaia di migliaia di amanti del genere ma che fondamentalmente si tratta di qualcosa che non lascia quasi nulla all’originalità a meno che il gruppo in questione non inserisca qua e là degli elementi a volte anche molto distanti dal genere, strizzando l’occhio un po’ ovunque, perfino al Progressive in certi casi oltre che al Power, passando per tipologie di Thrash che al classico tupatupa affiancano blast beat conducendo il tutto sul filo che separa il Death dal Thrash, e qualcuno addirittura ce la fa ma la vita è difficile e si va a finire unendo direttamente Thrash col Death (vedi taaaanti gruppi anche famosissimi che hanno proprio abbassato l’onestà).
I nostri invece apparentemente sembrano la cover band ufficiale di TUTTI i gruppi storici Thrash Metal (naturalmente parlo di scene tipo Slayer, i Sadus più leggeri, Exodus, Sodom, Anthrax, Destruction e non certo Metallica e Megadeth anche se quest’ultimi appaiono come ombre sugli assoli di chitarra infuocati che i nostri ci propinano..e che noi siamo ben felici di ascoltare).
Le prime tracce –devo dire la verità- non mi hanno proprio convinto perché sembravano davvero cover di gruppi famosi (suonate in modo eccellente) ma verso la metà del disco il discorso cambia radicalmente, si giunge anche ad un livello di originalità discreto attuando quella strizzatura d’occhio di cui sopra.
Gli Endovein possono suonare Thrash old-school, Power, Heavy e addirittura pezzi Progressive non troppo complessi senza battere ciglio, sono pertanto una di quelle pochissime realtà poliedriche che questo dannato commercio musicale ignora e che ignorerà a meno che i nostri non accettino compromessi (non fatelo ragazzi!).
L’ultima indimenticabile “Endovein Are Adrenaline... ...For Your Fuckin' Summer!” rappresenta la chiusura del disco in cui salta fuori che i nostri ci propongono anche un (fottuto) inno per l’estate e il ritornello ci resta stampato in testa e non vuole proprio andarsene..e poi il rutto finale..i riff assassini che prendono in esame tutti i grandi pattern storici, i drumming precisissimi e il basso che non sta mai nell’ombra, la voce del singer di chiaro stampo Heavy trapiantata per così dire nel genere..ragazzi, qui c’è da divertirsi davvero.
E’ bello che esistano gruppi così. Il loro prossimo live io sto sotto al palco. E ci porto pure gli amici.

Track by Track
  1. Endless Prophecy 65
  2. Forrest Gunner 65
  3. Lynched By Fate 65
  4. Fallout Terror 70
  5. Problem Of Humanity 70
  6. Kick In Your Ass 80
  7. Slaves Of The Matrix 75
  8. Sono Stufo! 65
  9. Don't Forget 65
  10. Endovein Are Adrenaline... ...For Your Fuckin' Summer! 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
71

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1062 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.